Cellulari, Smartphone, WIFI, dispositivi elettrici sotto accusa nel libro di Martin Blank

Il libro di Martin Blank  “Troppo connessi”  edito nel 2016 da Gruppo macro edizioni, ed acquistabile al prezzo di 15,50 euro, mette in rilievo gli effetti nocivi sulla nostra salute, causati dalle radiazioni elettromagnetiche emanate da  telefoni cellulari wireless WIFI etc.

Infatti i telefonini cellulari generano campi elettromagnetici(CEM) ed emettono radiazioni elettromagnetiche (REM).

Condividono questa caratteristica con tutti i moderni dispositivi elettronici, che funzionano a corrente alternata (CCA) cioè si alimentano mediante la rete elettrica e le prese che ci sono alle pareti, ed anche con quelli che utilizzano le comunicazioni Wireless cioè senza fili.

In base ad una ricerca effettuata sulle onde elettromagnetiche prodotte da questi dispositivi, emerge che le esposizioni ai CEM possono sviluppare a distanza di decenni gravi danni alla salute delle persone se fanno un uso spasmodico di questi oggetti della tecnologia moderna.

Quindi, se da un lato -per quanto riguarda in particolare i telefoni- la tecnologia ci dota di vari accessori che permettono di inviare  una email, iscriversi su Facebook e tenersi in contatto con gli amici, dall’altro non dobbiamo abusarne per le ragioni dette prima.

Lo stesso vale per i computer che permettono di svolgere svariate operazioni e velocizzare il lavoro, ma dobbiamo farne un uso accorto senza stare incollati ad esso come fa la maggior parte dei giovani a meno che si debba usare per motivi di lavoro.

Per quanto riguarda i CEM l’esposizione ad essi ha un potenziale terapeutico nelle malattie neurodegenerative, migliorano le capacità motorie dei pazienti affetti dal Morbo di Parkinson. Inoltre dosi specifiche di CEM hanno  migliorato la riabilitazione degli arti superiori e della forza di presa in pazienti colpiti da ictus.

Il libro pur utilizzando termini scientifici, è scritto con un linguaggio chiaro e lineare ed aiuta a reperire le informazioni necessarie per iniziare a creare un ambiente più sicuro per l’intera comunità.

 

 

 

Print Friendly

A proposito dell'autore

Foto del profilo di Biagio Gugliotta

Scrivi