Registrati
Ti sarà inviata una password per E-mail

Non sono colorati in modo artificiale e non vengono da terre straniere, tutt’altro infatti i ceci neri sono largamente coltivati in Italia soprattutto nelle zone di Bari e Matera.

Le differenze, rispetto ai ceci di cui normalmente sentiamo parlare e che sono da sempre sulla nostra tavola, stanno soprattutto nella forma e nel colore oltre che nella quantità di ferro in più.

La forma è molto più simile a un chicco di mais che ai ceci bianchi; il colore è nero, ma solo nella leggera cuticola esterna, l’interno invece e bianco-giallastro.

Non sono colorati in modo artificiale e non vengono da terre straniere, tutt'altro! I ceci neri sono coltivati in Italia. Ecco le qualitàL’elevato contenuto di proteine e di carboidrati li rendono veramente un alimento fondamentale e energetico; importanti sono gli apporti di vitamine e minerali.

Sono alleati del sistema cardiocircolatorio in quanto non hanno colesterolo e sono ricchi di acidi grassi essenziali; inoltre, hanno sostanze quali la colina che contribuisce al mantenimento di una sana funzionalità epatica, in quanto rientra nel gruppo di sostanze definite “lipotrofe”, ovvero in grado di prevenire i depositi di lipidi a livello del fegato.

 

È essenziale per la formazione dei principali componenti delle membrane cellulari (fosfolipidi) e dell’acetilcolina, sostanza importante che partecipa come neurotrasmettitore in molti processi cerebrali, memoria compresa.

Presentano anche molibdeno, un composto chimico che nel corpo umano lo si trova in massima parte nelle cellule del fegato e dei reni. Entra in gioco nel processo metabolico, favorendo l’assimilazione e il corretto consumo dei grassi e dei carboidrati, ma anche nella sintesi proteica e nella corretta distribuzione del ferro ai vari organi e apparati; il molibdeno passa per l’intestino e viene espulso dalle urine.

Ottimi con la pasta, con i cereali (orzo, farro), con gli pseudocereali (quinoa e amaranto), possono essere alla base di moltissime ricette, come l’hummus, le polpette, etc.

Smanettando sui vari siti ho trovato una ricetta tutta da provare (ma ogni tanto, visto che si tratta di frittura!!)

Ingredienti

Ceci
olio di semi di girasole per friggere q.b.
sale e curry o paprika (dolce o piccante) q.b.

PREPARAZIONE

Asciugare molto bene i ceci, scaldare dell’olio in una padella fino a 180° C, ma stando attenti che non si bruci. Immergere i ceci nell’olio e lasciarli friggere mischiandoli con un cucchiaio di legno. Appena saranno ben dorati e croccanti, scolarli e posarli sulla carta assorbente per fritti, facendo perdere loro più olio possibile. Insaporirli con le spezie
preferite, mescolarli bene.

Che ne pensate di inserirli nel nostro “cuoppo”??

Foto principale By Thamizhpparithi Maari (Own work) [CC BY-SA 4.0], via Wikimedia Commons
Print Friendly, PDF & Email

Scrivi