Esclusiva: Ivan Varone, il Puma si racconta

Oggi per le interviste di “Magazine Pragma”, abbiamo raggiunto in esclusiva, il forte e bravo centrocampista del Fondi , Ivan Varone, autore di una stagione pazzesca . Il giocatore e’ stato sicuramente uno dei giocatori piu’ forti di tutta la Lega Pro ed adesso le sue gesta iniziano a fare gola a qualche club di Serie B e non solo..

 

Ci racconti le tue emozioni in questa stagione?

“È stata una grande stagione, dove ho vissuto bellissimi momenti molto intensi, fatto di tante gioie e pochi bocconi amari da mandare giù.”
 L’eliminazione di Francavilla non ha rovinato la bellissima stagione del Fondi. Fa ancora male questo pareggio così amaro?
“L’eliminazione fa molto male, perché dal primo momento in cui siamo entrati in campo col Francavilla, abbiamo dato l’anima e non meritavamo di uscire, ma la colpa è solo nostra; nel mese di marzo abbiamo molto compromesso il nostro cammino e la nostra posizione finale, altrimenti anche noi avremmo potuto giocare con 2 risultati su 3”.
 Che rapporto hai con la piazza e con il vulcanico Mister Sandro Pochesci?
“Con il mister Pochesci, ho il tipico rapporto mister-calciatore ma lo stimo molto perchè dice sempre quello che pensa in faccia…E lo ringrazio per avermi permesso di giocare con continuità ”
“Fondi è una piazza tranquilla, abbiamo desiderato molte volte lo stadio pieno, ma a malincuore a parte quel centinaio di persone presenti era quasi sempre vuoto.”


 Un tuo pronostico sui play off, chi vedi favorito.
 
“Se il Matera tornasse quello di Gennaio, sicuramente opterei per loro, ma penso che qualche equilibrio si sia rotto. Penso si tratterà di playoff molto equilibrati con qualche sorpresa..”

In questa stagione ti sei messo in evidenza come il classico centrocampista dal vizio del goal..Ti piace di più segnare o fare assist?

 
“Sono un centrocampista a cui piace inserirsi negli spazi e fare goal. Il girone di andata mi ha visto in un centrocampo a 3, che è il ruolo che più mi rispecchia, mentre quello.di ritorno per necessità del mister ho giocato in un centrocampo a 2, rinunciando all’opportunità di poter fare qualche altro goal. Comunque mi piace segnare e anche far segnare.”
 Il tuo momento più bello con la maglia del Fondi?

“A Foggia… Che partita, incredibile. Perdevamo 2-0, ma col mio goal ci siamo rimessi in carreggiata aprendo la.partita e addirittura vincendola… Che emozione!! Nonostante lo stadio contro abbiamo dimostrato di essere una grande squadra.”
 
 Progetti per il futuro, che scenari prevedi sulla tua carriera?

“Sto molto bene qui, a Fondi e mi aspetta un altro anno di contratto. So che ci sono squadre interessate, ma ad ognuno.il proprio ruolo, mi fido del.mio.procuratore e lascio fare a lui.
Non ti nascondo che il mio obbiettivo è la serie B. Ci tenevo anche a ringraziare Luca Evangelisti per aver creduto in me e per  avermi portato in questa bella realtà, inoltre, volevo ringraziare due persone molto importanti nella mia crescita ossia Celestino Natale e Baiata Gaspare  oltre ovviamente al mio procuratore Carlo Di Renzo.”


 Da Napoletano, una battuta sul Napoli non può mancare. Che stagione è stata quella degli azzurri. Bel calcio ma zero trofei..positiva o negativa?

“Napoli per me è una grande squadra, e sono convinta che se la squadra rimane tale, l’anno prossimo potrà competere con la Juve… D’altronde Sarri è un gran Maestro!”
Si ringrazia Ivan Varone per il tempo concesso per questa intervista e l’Ufficio Stampa dell’Unicusano Fondi per la disponibilita’
Print Friendly

A proposito dell'autore

Foto del profilo di Gianluca Apicella

Scrivi