Per avvicinarsi alla qualificazione ai sedicesimi, la Fiorentina avrà un solo obiettivo da centrare nella trasferta svizzera: vincere!

L’ostacolo più arduo

Il cammino della Fiorentina in Europa League raggiunge uno step determinante: stasera, dalle 19, si conoscerà meglio il destino della squadra viola. La trasferta svizzera contro il Basilea rappresenta un crocevia fondamentale per capire ambizioni e prospettive del club gigliato in campo europeo.

Il successo di due settimane fa ottenuto in casa del Lech Poznan grazie ad uno straordinario Josip Ilicic ha rimesso in carreggiata la formazione di Paulo Sousa. Il grosso del lavoro, però, va fatto tra la gara in programma al St. Jakob-Park tra poche ore e l’ultimo incontro del girone, quello del 10 dicembre in casa contro il Belenenses.

La situazione del girone

Grazie all’exploit dello sloveno in terra polacca, la Fiorentina è attualmente al secondo posto con 6 punti. La capolista, a quota 9, è proprio il Basilea: ai rossoblu del tecnico Fischer basta un pari per ottenere l’aritmetica qualificazione ai sedicesimi. Vincere, per la Fiorentina, significherebbe raggiungere gli elvetici in vetta e staccare almeno una delle due inseguitrici, Belenenses e Lech Poznan (ferme a quota 4), impegnate allo stesso orario l’una contro l’altra.

I gigliati, paradossalmente, sarebbero in corsa anche con un pari o una sconfitta in Svizzera; a quel punto, però, tutto dipenderebbe dal risultato dell’altra sfida e sarebbe rimandato ad un ultimo turno che, per la Fiorentina, assumerebbe contorni thriller. Insomma, al gruppo di Sousa conviene sfoderare una grande prestazione stasera per stare più tranquilli tra due settimane.

Le probabili formazioni di Basilea-Fiorentina

Sbagliando s’impara. È il pensiero che circola nella mente di Paulo Sousa, in queste ore di vigilia della delicata sfida al Basilea. Il turn-over esagerato proposto dal tecnico portoghese nel match di domenica scorsa pareggiato in casa con l’Empoli, suggerisce di affidarsi alle certezze viola. Vero, lunedì prossimo c’è il Sassuolo quinto in Serie A ma la gara di Europa League, al momento, deve rappresentare la priorità.

 

 

 

Paulo Sousa conosce bene la sua ex squadra e sa che è assolutamente vietato regalare uomini, campo e fiducia. Ci sarà bisogno della miglior Fiorentina. Non sicuramente quella della gara di andata, punita dalla follia di Gonzalo Rodriguez (espulso) e dalle reti firmate da Bjarnason (ex Pescara) e da Elneny.

In quel caso, l’iniziale gol di Kalinic non bastò: stasera, oltre a sperare nelle giocate del croato, la Fiorentina dovrà fare attenzione al baby fenomeno Embolo, diciottenne attaccante camerunense naturalizzato svizzero seguito di maggiori club europei. Un classe ’97 dal talento pazzesco, già nel giro della nazionale maggiore. È senz’altro lui, anche se ancora così giovane, l’elemento più pericoloso di una squadra molto organizzata che si esalta soprattutto tra le mura amiche.

Scenderà in campo, dunque, la Fiorentina dei titolarissimi, ad eccezione di Sepe, portiere designato dell’Europa League da inizio stagione. Terzetto difensivo formato da Astori, Rodriguez e Roncaglia. La coppia Vecino-Badelj come schermo a centrocampo: ai loro lati, sulle fasce, agiranno Bernardeschi a destra e uno tra Pasqual e Marcos Alonso in corsia mancina. In attacco, sicurissimi della titolarità Ilicic e Kalinic: l’altro rifinitore della punta ex Dnipro dovrebbe essere, come da copione, Borja Valero.

 

Lo spagnolo, però, è uscito malconcio dal derby di campionato contro l’Empoli: ha partecipato, comunque, alla seduta di rifinitura ma qualora dovesse prevalere la prudenza, al suo posto giocherebbe Mati Fernandez.

Ecco le probabili formazioni di Basilea-Fiorentina:

Basilea (4-4-2): Vacilik; Xhaka, Lang, Suchy, Safari; Callà, Elneny, Zuffi, Bjarnason; Janko, Embolo. All.: Fischer

Fiorentina (3-4-2-1): Sepe; Astori, G. Rodriguez, Roncaglia; Bernardeschi, Vecino, Badelj, Pasqual (M. Alonso); Borja Valero (M. Fernandez), Ilicic; Kalinic. All.: Sousa

 

Clicca qui ed interagisci su Twitter con l’autore Domenico Aprea

Print Friendly

A proposito dell'autore

Foto del profilo di Domenico Aprea

Giornalista pubblicista da maggio 2012. Telecronista ed inviato sportivo, presentatore, conduttore radiofonico, iscritto alla scuola di doppiaggio "Voice Art Dubbing".

Scrivi