Categorie
Arte Caserta Città

La prima edificazione della Cattedrale di San Michele nella città di Caserta Vecchia

FacebookTwitterWhatsAppLinkedInMessengerTelegramShare

La chiesa dedicata a San Michele venne edificata per volere del Vescovo Rainulfo nel 1113 e fu completata durante l’anno 1153.

Conserva il suo originario aspetto medievale e al vertice dell’architrave, sono incise le date della sua costruzione.

Presenta una facciata in marmo e tufo ed uno spiovente sovrastante di forma triangolare che coincide con la navata centrale.

E’ costituita da tre ingressi: partendo da sinitra, il portale mostra una cornice in cui sono raffigurati due centauri e si apre una monofora.

Mentre il portale di destra presenta due animali non ancora riconosciuti, all’ingresso centrale è posizionata un’arcata che mostra due leoni su graziose mensole e sopra un toro.

La parte mediana del timpano è sovrastata da piccole colonne sorrette da due leoni.

Alla destra dell’edificio è situata la Torre campanaria suddivisa in tre piani.

Alla base è incastonato un antico fregio di epoca romana e nel lato rivolto verso la chiesa, una lapide sepolcrale. Il primo piano è privo di bifore, arricchite da decorazioni romaniche al secondo e terzo piano.

La cupola invece è costituita da un tamburo ottagonale e due piani di arcate superiori.

La prima arcata poggia sulle quattro colonne, sotto le larghe cornici arricchite da fasce decorate e policrome.

L’interno, invece, è a croce latina, distibuita in navate e diciotto colonne provenienti dal Tempio di Giove Tifatino.

Al centro vi è l’abside semicircolare con ai lati due piccole absidi semicircolari.

Un’altra caratteristica è il transetto rialzato con le volte a costoloni che si ricollegano all’architettura araba. La navata centrale termina in un ampio arco a tutto sesto.

L’acquasantiera è retta su un leone medioevale ed un’altra, nei pressi della seconda colonna a sinistra posizionata su un leoncino, una vasca battesimale del IV secolo.

Sotto al penultimo arco, da poco tempo restaurato, vi è raffigurata la scena dell‘Annunciazione.

Nella navata sinistra vi è l’affresco della Vergine con il Bambino, opera trecentesca, mentre ai lati del transetto si trova il Sepolcro del Vescovo di Giacomo.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *