Registrati
Ti sarà inviata una password per E-mail

Il dolce tipico della festa: La Cuccia tra cultura e devozione

In attesa della Processione  del Simulacro, momento clou dei festeggiamenti, di questo pomeriggio, ci occupiamo dell’aspetto culinario.

Parliamo della Cuccìa, dolce che si prepara nella notte tra il 12 e 13 dicembre.

Nonostante la probabile radice araba, la cuccìa siciliana è tradizionalmente legata alla festa di Santa Lucia – dal nome evocatore di “luce” – e alla devozione alla santa da parte della popolazione siciliana.
 
La leggenda narra che, durante una terribile carestia, alcune navi sbarcarono nel porto di Siracusa un carico di grano e che i siracusani, affamati, lo mangiarono semplicemente bollito.
Per ringraziare la santa, ritenuta artefice del miracolo, il 13 dicembre (data storica della sua morte avvenuta a Siracusa nel 304) in molti comuni siciliani usava mangiare la cuccìa.
La cuccìa, dolce della tradizione, si prepara ancora oggi nelle case siciliane e si può trovare in molte pasticcerie, da Palermo a Siracusa.
Ecco per chi volesse provarla la ricetta tipica:
Ingredienti
  • 200 g di grano tenero
  • 200 g di ricotta di pecora
  •  50 g di zucchero
  •  50 g di gocce di cioccolato fondente
  •  50 g di arancia candita
  •  cannella
  •  sale

Procedimento

Se volete procedere anche voi alla realizzazione del miracolo, dovrete fare le seguenti mosse.
Lasciate a bagno il grano per una notte, scolatelo e cuocetelo a fuoco medio con acqua e poco sale per circa tre ore.
 Quindi spegnete il fuoco e coprite con un canovaccio la pentola.
Lavorate a parte la ricotta con lo zucchero fino a ottenere una crema zuccherata dalla grana finissima. Sbattete la ricotta con la frusta elettrica.
Aggiungete alla crema di ricotta le gocce di cioccolato, l’arancia candita tagliata a cubetti e infine il grano scolato e asciugato con un canovaccio di cotone.
Mescolate bene il tutto, versate in ciotole monoporzione di vetro o ceramica e mettete in frigo.
Prima di servire spolverate con una nuvoletta di cannella in polvere e qualche goccia di cioccolato.
Print Friendly, PDF & Email

Scrivi