Categorie
Caserta Città Viaggi

La città di Caiazzo e gli antichi resti dei suoi due castelli

FacebookTwitterWhatsAppLinkedInMessengerTelegramShare

CAIAZZO- La città di Caiazzo è un piccolo centro di origine osca, anticamente chiamata Caiata.

Nel 154 a.C. Cornelio Scipione conquistò Panormo e divenne dittatore nel 249.

Proprietà di Montecassino, successivamente passò al ducato di Benevento ed alla contea di Capua.

Fu feudo di Sanseverino ed i suoi feudatari furono i Corsi di Firenze. Caiazzo fu territorio di guerra tra le truppe garibaldine e borboniche nel 1860.

la città di Caiazzo ed i suoi tesori

Il castello di Caiazzo fu proprietà degli ultimi longobardi, conte di Caiazzo Rainulfo.

Fu ospite del castello Federico II di Svevia dopo la battaglia contro le truppe pontificie comandate da Giovanni di Brienne e il cardinale Giovanni Colonna.

Il castello venne ampliato sotto la dominazione angioina ed il regno di Alfonso I d’Aragona, ed ospitò la favorita del re, Lucrezia d’Alagno.

Divenne una tenuta di pace per il sovrano, insieme al suo amico Antonio Panormita.

Fu venduto, infine, a Francesco Sanseverino nel 1501.

Da riportare alla memoria è un altro castello situato a nord-est.

I conti di Caiazzo rinchiudevano delle fanciulle per gioco all’interno del maniero.

Si suppone che venissero addestrate nell’arte dell’amore e dello spionaggio.

DeI castello sussistono solo alcuni resti della sua antica struttura, come una doppia cinta muraria.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *