I Quartieri Spagnoli di Napoli

Il periodo in cui sono nati i Quartieri Spagnoli risale, non a caso, al periodo in cui dominarono gli spagnoli a Napoli. Essi nacquero con lo scopo di trovare una sistemazione ai tanti militari presenti all’epoca in città. Fin dal loro nascere però quest’area della città venne identificata come malfamata, dove i soldati venivano solo a cercare i divertimenti e dove venivano compiuti molti delitti e soprusi.

Anche dopo il dominio spagnolo, questi quartieri hanno continuato ad essere dipinti per vari anni come un luogo da evitare, una delle zone più pericolose di Napoli. Il loro aspetto agli occhi delle persone è fortunatamente cambiato negli anni più recenti. Essi sono stati rivalutati e sono diventati una delle principali attrattive turistiche della città: un luogo fatto di vicoli stretti ma capace di racchiudere in sé tutta l’essenza e l’autenticità della città partenopea.

Cosa vedere ai Quartieri Spagnoli di Napoli

A pochi passi da Via Toledo, sorge il mercato a cielo aperto della Pignasecca.
Questo mercato è un dipinto della Napoli antica nel quale è possibile trovare bancarelle di ogni genere: pesce, frutta, verdura ma anche fritture e dolci tipici oltre a capi d’abbigliamento e accessori. È un’ ottima opzione anche per gustare lo street food napoletano.

Tra i vicoli stretti è facile imbattersi in una serie di murales che raccontano la storia presente e passata di Napoli. Assicuratevi di vedere quello dedicato a Totò, al Principe Antonio De Curtis e a Diego Armando Maradona.

Se sentite di avere l’energia giusta, salite la rampa di scale comunemente conosciuta come la Pedamentina, ne varrà la pena!
Una salita di 400 scalini che vi farà raggiungere la collina del Vomero dove potrete ammirare uno dei panorami più belli di Napoli.

Tra tutte le attrazioni dei Quartieri Spagnoli, la più suggestiva resta sicuramente quella di passeggiare tra i vicoli”. La bellezza di questa zona sta proprio in quello che trasmette camminandovi, nei suoi odori, nei rumori e negli angoli scoperti per caso.

Cosa mangiare ai Quartieri Spagnoli

Tutti coloro che vengono in visita a Napoli devono assolutamente assaggiare i piatti più tipici e gustosi della cucina napoletana, e i Quartieri Spagnoli sono il luogo perfetto per assecondare i vostri palati.

Tra un vicolo e l’altro concedetevi il meglio dello street food napoletano con una pizza a portafoglio o una pizza fritta. Per pranzo concedetevi una deliziosa pasta e patate in una delle numerose trattorie tradizionali.

Concludete naturalmente il tour gastronomico con uno dei tanti dolci napoletani che ci rimarranno nel cuore. Scegliete tra una sfogliatella, un babà, un gelato o una nuvola, o perché no, provateli tutti!

Dove si trovano i Quartieri Spagnoli

Si trovano a ridosso del centro storico di Napoli e si estendono su tre zone: San Ferdinando, Avvocata e Montecalvario.


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

PUBBLICITA

LEGGI ANCHE

Le nuove misure cautelari in Campania per gli incendi boschivi

Dal 15 Giugno al 15 Ottobre 2024 in Campania è stato proclamato un periodo di grave pericolosità dovuto agli incendi boschivi. In vista di questo periodo sono state prese delle misure cautelari apposite.

Inter vicino il rinnovo dell’allenatore Simone Inzaghi

Tra gli argomenti sul tavolo in casa dell'Inter c'è quello del possibile rinnovo dell'allenatore Simone Inzaghi. Infatti Tullio Tinti, agente di Simone Inzaghi, è...

Napoli: no allo sfruttamento di cavalli

Napoli ha messo in atto norme più severe per salvaguardare i cavalli durante specialmente il periodo estivo.

Luigi Vicinanza, chi è il nuovo sindaco di Castellammare di Stabia

Luigi Vicinanza è il nuovo sindaco di Castellammare di Stabia. Il comune stabiese ha il suo nuovo sindaco dopo lo scioglimento della giunta per...

ULTIME NOTIZIE

Napoli, 67enne investita da un camion

PUBBLICITA