Categorie
Consigli legali

Bonus rottamazione TV: come funziona

FacebookTwitterWhatsAppLinkedInMessengerTelegramShare

Il bonus rottamazione TV rappresenta un incentivo finalizzato a favorire la sostituzione degli apparecchi televisivi obsoleti attraverso un corretto smaltimento dei rifiuti elettronici, in un’ottica di tutela dell’ambiente. Ecco tutto quello che c’è da sapere per beneficiarne.

Bonus rottamazione TV: che cos’è e come funziona?

A seguito della necessità dell’acquisto di apparecchi compatibili con il nuovo standard di trasmissione del digitale terrestre DVB-T2 – HEVC MAIN 10, a cui tutte le reti nazionali e locali devono conformarsi entro il 2023, nel 2022 il Governo ha previsto due tipologie di bonus per sostenere economicamente le famiglie che devono effettuare tale spese. Si parla nello specifico del Bonus Tv e decoder e del bonus rottamazione TV. Il primo rappresenta un contributo per l’acquisto di una nuova TV o di un nuovo decoder dal valore di 50 euro, disponibile per i nuclei familiari con un ISEE non superiore a 20 mila euro. Il secondo invece non presenta vincoli di ISEE. Vediamo nello specifico come funziona.

Il bonus rottamazione TV è un’agevolazione di cui si può beneficiare rottamando contestualmente un televisore acquistato prima del 22 dicembre 2018 e prevede uno sconto del 20% sul prezzo d’acquisto di una nuova tv, fino ad un massimo di sconto di 100 euro senza limiti di ISEE. Si ricorda che per poter accedere al beneficio è necessario acquistare un apparecchio che permetta la ricezione dei programmi tv con i nuovi standard trasmissivi, cioè DVBT-2/HEVC Main 10, operativi dal 2022.

Le istruzioni, rilasciate dal Ministero dello Sviluppo Economico, per poter verificare se la tv possa ricevere i nuovi segnali, possono essere consultate qui.

Bonus rottamazione TV: chi può usufruirne?

Come già evidenziato non esistono vincoli di ISEE per beneficiare dello sconto sono però necessari alcuni requisiti:

  • essere residenti in Italia;
  • rottamare correttamente un televisore acquistato prima del 22 dicembre 2018;
  • essere in regola con il pagamento del canonedi abbonamento al servizio di radiodiffusione.

Si ricorda inoltre che l’agevolazione è legata al nucleo familiare in quanto è concesso un solo bonus per l’acquisto di un televisore a famiglia.

Come effettuare la rottamazione

La rottamazione della propria Tv e la conseguente possibilità di accedere al beneficio può avvenire in due modi:

  • eseguendo la rottamazione direttamente presso i rivenditori aderenti all’iniziativa in cui si acquista la nuova televisione, consegnando la vecchia tv al momento dell’acquisto della nuova;
  • consegnando la vecchia Tv direttamente in una isola ecologica autorizzata.

Nel primo caso, sarà il rivenditore ad occuparsi del corretto smaltimento dell’apparecchio fruendo di un credito fiscale pari allo sconto applicato all’acquirente. Nel secondo caso, l’addetto del centro di raccolta Raee deve convalidare il modulo, che certifica l’avvenuta consegna dell’apparecchio. Di conseguenza, con il modulo firmato, l’utente potrà recarsi nei punti vendita aderenti e beneficiare dello sconto sul prezzo di acquisto.

Prima di procedere alla rottamazione, bisognerà scaricare e compilare il modulo di autodichiarazione che certifichi il corretto smaltimento.

Si ricorda inoltre che il contributo per la rottamazione TV è cumulabile con il precedente incentivo (Bonus TV Decoder) per coloro che siano in possesso di tutti i requisiti richiesti.

Scadenza bonus rottamazione TV

È possibile usufruire del bonus fino al 31 dicembre 2022.

 

Di Francesca Sicignano

Laureata in Marketing e Management Internazionale, mi occupo di fornire le più recenti informazioni in merito alle agevolazioni che lo Stato riserva ai cittadini e alle imprese.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *