Categorie
Moda

Dal 22 al 24 luglio torna il salone internazionale del beachwear

FacebookTwitterWhatsAppLinkedInMessengerTelegramShare

Maredamare, il salone internazionale del beachwear, celebra i 10 anni con la rappresentanza di oltre 240 aziende.

Fortezza Da Basso accoglie la kermesse, con oltre 240 aziende, 50 in più rispetto all’anno scorso. Festeggia i 10 ann di attività, con 170 riconferme dagli anni passati, 20 rientri e 50 nuovi espositori. Oltre ai brand italiani, saranno presenti marchi tedeschi, israeliani, francesi, spagnoli, svedesi e americani.

“C’è grande attesa per il nostro decimo compleanno che sicuramente non segna il passaggio all’età matura. Ci mancherebbe. (…) Si tratta comunque di un momento importante per tutti noi che viviamo la fiera ogni giorno dell’anno. Sempre a caccia dell’idea giusta e al servizio del nostro pubblico di amici. Siamo partiti da zero, una vera start up. (…) Alimentati dalla sola passione e da un pizzico di esperienza nel comparto più allegro e gioioso del tessile abbigliamento. (…) Non ci faremo scappare un anniversario così importante. Ci inventeremo qualcosa di memorabile”. Spiega il Presidente Alessandro Legnaioli. 

Per l’ estate 2018, si prevedono numerose fantasie, non correlate fra di loro ma ricche di spunti comuni. Gli stilisti hanno tratto ispirazione dall’universo hippie, rivisitato e modernizzato. Fantasie nate dall’incontro di vari elementi provenienti da terre lontane, piene di simboli, in cui coesistono libertà, mito e conoscenza. Un mix di colori, disegni e fantasie che partono dall’hippie vero e proprio. Poi si incontrano e si scontrano in tutte le sfumature gipsy, a righe e dai motivi floreali.

Troveremo motivi geometrici, dalle origini minimaliste, forti e chiare. attraverso uno studio sopraffino che permette a geometri micro e macro di combinarsi perfettamente, così come la ricerca dei colori e delle fantasie pluviali. Una libertà che mette in risalto una trascuratezza di lusso. Colori tipici della foresta, chiaroscuri, flora e fauna, tele d’autore, colori che esplodono come se fossero delle vere e proprie opere d’arte.

 

Infine, una novità di quest’anno sarà lo spazio dedicato all’Athleisure.

Proposto l’uso da parte di alcuni brand selezionati, di tessuti sportivi tecnici per lo sport e la quotidianità. Apprezzati dal mercato europeo e americano anche per i capi di intimo. Colori e tagli semplici fra l’altro comodi, che mettono in evidenza il tessuto piuttosto che la fantasia.

Lunedì alcuni modelli realizzati dagli studenti dell’Accademia Italiana di Firenze. Robert Ignac kollar, Anna Guaglione e Marta Cortigiani hanno vinto un concorso interno per la grafica e gli allestimenti.

Infine, una delle notizie più attese, sarà probabilmente la presenza di Maredamare in Cina nel padiglione internazionale.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *