Categorie
Musica Eventi

I Muse ed i Placebo danno spettacolo al secondo giorno del Firenze Rocks

FacebookTwitterWhatsAppLinkedInMessengerTelegramShare

Per il secondo giorno, il programma del Firenze Rocks offriva due band dalla fama mondiale come Placebo e Muse che venerdì 17 giugno hanno suonato all’Ippodromo del Visarno. I primi hanno proposto una scaletta di 16 canzoni di cui le prime 10 non erano conosciutissime al grande pubblico non essendo state rilasciate come singoli. Il finale è decisamente in crescendo con, tra le altre, “The Bitter End”, “Slave to The Wage” e “Special K”. La conclusione è affidata a “Running Up That Hill”: la cover di Kate Bush che è ritornata in vetta alle classifiche dopo la comparsa in una famosa serie tv. 

PLACEBO AL FIRENZE ROCKS SCALETTA

  1. Forever Chemicals

2. Beautiful James

3. Scene of the Crime

4. Happy Birthday in the Sky

5. Bionic

6. Surrounded by Spies

7. One of a Kind

8. Sad White Reggae

9. Try Better Next Time

10. Too Many Friends

11. For What It’s Worth

12. Slave to the Wage

  1. Special K

14. The Bitter End

15. Infra-red

16. Running Up That Hill (A Deal With God). 

LE DISTORSIONI DEI MUSE 

L’esibizione della band di Matt Bellamy non delude le aspettative al netto di un paio di canzoni del nuovo album che non convincono fino in fondo. I Muse sono una band che live da sempre enormi soddisfazioni per elementi musicali e non: colpiscono il numeroso pubblico le distorsioni delle chitarre elettriche, il sempre molto potente basso di Chris Wolstenholme (soprattutto in “Psycho “ e in “Hysteria”), i loro costumi futuristici e le immagini proiettate sui maxi-schermi. Verso la metà del concerto vengono suonate praticamente tutte le loro canzoni migliori, “Citizen Erased” in scaletta è una chicca; veramente notevole la prima canzone del bis “Kill or Be Killed” che fa parte dell’ultimo album “Will Of The People”. La band di Matt Bellamy non si è risparmiata anche se altre volte gli effetti scenografici sono stati migliori. 

MUSE AL FIRENZE ROCKS SCALETTA

  1. Will of the People

2. Interlude

3. Hysteria

4. Psycho

5. Pressure

6. Won’t Stand Down

7. Citizen Erased

8. The Gallery

9. Compliance

10. Thought Contagion

11. Time Is Running Out

12. Nishe

13. Madness

14. Supermassive Black Hole

15. Plug In Baby

16. Behold, the Glove

17. Uprising

18. Prelude

19. Starlight

 Bis

  1. Kill or be Killed
  2. Knights of Cydonia

Prima di queste due band hanno suonato i Ramona Flowers i The Mysterines.

Di Ivano Cotticelli

Giornalista pubblicista, talmente innamorato di sport in generale, di calcio e di Inter in particolare, da essere capace di scriverne e/o parlarne h.24.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *