Registrati
Ti sarà inviata una password tramite email.

L’intelligenza emotiva è considerata, dalla letteratura scientifica, una tra le top skill del prossimo futuro. Ossia un’abilità fondamentale per vivere al meglio. E’ l’intelligenza emotiva il segreto del successo.

A differenza del quoziente intellettivo questa si può sviluppare con il tempo e l’allenamento. Il professor Preston Ni, a capo del team di ricercatori, ha parlato dell’intelligenza emotiva come della “Capacità di comprendere, gestire ed esprimere in modo efficace i propri sentimenti e interpretare quelli delle altre persone”.

L’intelligenza emotiva non è una capacità che si acquisisce con una laurea; riuscire a individuare chi la possiede però non è cosa facile, perché è fatta di tanti piccoli elementi che si mischiano sapientemente tra loro.Parliamo di quella saggezza basata sull’empatia e sull’assertività, due pilastri meravigliosi su cui fondare la conoscenza di se stessi e gestire le emozioni in maniera equilibrata.

Riconoscere i propri sentimenti ci consente di gestire lo stress e comunicare efficacemente con le persone: due abilità che migliorano sia la nostra vita personale sia quella professionale. Contrariamente al quoziente intellettivo, che rimane costante nel corso dell’intera esistenza, l’intelligenza emotiva può essere sviluppata e perfezionata nel tempo.

Come si può intuire l’intelligenza emotiva è quella capacità che ci consente di avere una chiara cognizione del proprio stato d’animo e di orientare volontariamente i comportamenti a favore di obiettivi individuali o comuni.

Una carenza di questa capacità intellettuale crea le basi per una vita vissuta all’insegna delle paure esistenziali, della frustrazione, dell’insuccesso in ambito affettivo, professionale e personale.
Daniel Goleman indica sei caratteristiche che contraddistinguono coloro che fanno uso dell’intelligenza emotiva:

  1. Abilità nella consapevolezza di sé: questo permette di produrre risultati riconoscendo le proprie emozioni e pensieri.
  2. Abilità nel dominare se stessi: è la capacità di utilizzare i propri sentimenti per un fine.
  3. Abilità motivazionale: l’abilità di scoprire i motivi profondi che spingono all’azione.
  4. Abilità empatica: capacità di intuire i sentimenti, le aspirazioni e le emozioni altrui per entrare in contatto.
  5. Abilità di socializzazione: la capacità di stare con gli altri e di percepire i movimenti che avvengono tra le persone.
  6. Capacità decisionale

Le persone agiscono sempre per delle ragioni e degli scopi e le emozioni sono un’importante fonte d’informazione per capire il perché di molti comportamenti e decisioni. L’intelligenza emotiva ci permette di esplorare e comprendere gran parte di quello che nascondiamo sotto la superficie a noi stessi e agli altri. Se riusciamo a comprendere questi nostri stati emotivi diveniamo più capaci di usare strategicamente le nostre emozioni per poter effettuare le scelte migliori.

Spesso le persone emotivamente intelligenti sono quelle che, all’interno di un gruppo di amici, sono più richieste per ricevere dei consigli o del conforto. Se hai un amico che ti sembra cogliere come ti senti prima ancora di raccontarglielo, allora probabilmente questa persona ha una buona intelligenza emotiva.

Come possiamo capire di essere dotati di intelligenza emotiva?

Ecco gli indicatori di una buona intelligenza emotiva:

  • Riescono a liberarsi dalle paure e dalle fobie con una certa facilità.
  • Sono in grado di superare in poco tempo nervosismo o tristezza.
  • Hanno scoperto un nuovo modo di percepire se stessi.
  • Riescono a non essere condizionati dal giudizio altrui.
  • Non si sentono inadeguati, non provano una ingiustificata vergogna.
  • Sono sereni di fronte alle circostanze che li mettono in difficoltà.
  • Superano le emozioni dolorose senza nuocere se stessi e gli atri.
  • Si concentrano sul loro potenziale.
  • Scoprono i loro talenti nascosti.
  • Creano uno stato d’animo vincente ogni volta che scelgono di farlo.
  • Imparano dagli errori.
  • Se hanno commesso un torto cercano di porvi rimedio senza farsi coinvolgere dai sensi di colpa.
  • Imparano come trasformare i loro insuccessi in successi.
  • Hanno fiducia in se stessi.
  • Sanno infondere fiducia in chi li ascolta.
  • Sanno come comunicare efficacemente con se stessi e gli altri.
  • Ottengono il massimo risultato da se stessi.

Capire come la mente si collega alle emozioni ci permette, senza dubbio, di destreggiarci meglio nella vita quotidiana. L’intelligenza emotiva è la chiave quindi per aprire molte di quelle porte che abbiamo chiuso nel corso della nostra vita.

Quando si è emotivamente intelligenti, si è in grado di comunicare con il cuore e non si sente il bisogno di umiliare, offendere, squalificare l’altro.Tutto avviene ed evolve in maniera naturale e gli equilibri relazionali sono salvi.

Print Friendly, PDF & Email

Scrivi