Registrati
Ti sarà inviata una password tramite email.

Sono stati sorteggiati nella giornata di oggi i gironi di Europa League, la vecchia Coppa UEFA che quest’anno si concluderà nella Friends Arena, in Svezia, in una finale che potrebbe riservare qualche sorpresa. Il livello della competizione è abbastanza alto, considerando la presenza di ben 4 italiane e squadre del calibro di Man Utd, Athletic Club, Zenit e molte altre insidie per tutti. Di seguito i risultati dell’urna di Montecarlo, con una breve analisi girone per girone:

 

Gruppo A: Manchester United (Ing), Fenerbahce (Tur), Feyenoord (Ola), Zorya (Ucr)

Probabilmente il girone di ferro tra tutti, dove troviamo un Manchester United a livelli da Champions League, un Fenerbache che ha investito moltissimo sul mercato ed un Feyenoord che potrebbe fare del bel gioco la sua arma forte, andando ad insidiare la squadra turca. Zorya fuori dai giochi, ma nel calcio come nella vita non si sa mai.
Gruppo B: Olympiacos (Gre), Apoel Nicosia (Cip), Young Boys (Svi), Astana (Kaz)

Situazione strana in questo girone, con il campionato greco ormai sospeso per questioni sociali e politiche, ed un Cipro in costante guerra civile. Lo Young Boys, seppur non ha una rosa fenomenale, può sperare in un passaggio del turno. L’Astana invece dovrà provare a fare punti in casa, sfruttando le lunghe trasferte degli avversari.
Gruppo C: Anderlecht (Bel), St. Etienne (Fra), Mainz (Ger), Qabala (Aze)

Sarà interessante vedere se il Mainz può tenere il livello del proprio gioco alto come nell’anno passato. Anderlecht e St. Etienne sono due squadre ormai collaudate in Europa, ma non per questo i tedeschi devono darsi per vinti, anzi. Qabala, squadra azera, che sembra partire con molti punti di svantaggio: sembra proprio essere una lotta a 3.
Gruppo D: Zenit (Rus), Az Alkmaar (Ola), Maccabi Tel Aviv (Isr), Dundalk (Irl)

Non il più semplice dei gruppi per lo Zenit: è vero che l’AZ ha perso Janssen, capocannoniere e suo miglior giocatore (ora al Tottenham), ma il calcio olandese è sempre insidioso. Tel Aviv e Dundalk saranno due trasferte complicate, e portare a casa il bottino pieno di 6 punti sembra quasi un’utopia. Prima esperienza europea per il Dundalk, che però probabilmente vedrà concludersi qui i suoi sogni.
Gruppo E: Viktoria Plzen (Cec),Roma (Ita), Austria Vienna (Aut), Astra (Rom)

Sorteggio positivo per la Roma, che incontra 3 squadre di fascia medio-bassa. Nessuna squadra materasso, ma nemmeno trasferte improponibili: dopo la delusione in Champions, il minimo indispensabile è passare primi in questo girone. L’Astra, in quarta fascia, ha eliminato il West Ham nella scorsa notte londinese, e per questo non deve essere data per spacciata, nonostante l’11esima posizione nel campionato rumeno ed una società totalmente allo sbando.

europa-league-1
Gruppo F: Athletic Bilbao (Spa), Genk (Bel), Rapid Vienna (Aut), Sassuolo (Ita)

Interessantissimo girone con squadre che giocano un calcio brillante: il Sassuolo può comunque credere ad un approdo ai 16esimi, considerato che l’Athletic Bilbao, potenziale vincitrice del gruppo, sembra essere comunque battibile. Il Rapid Vienna faticherà a fare punti, ma qualche pareggio può sempre fare comodo agli austriaci, mentre il giovane Genk può lottare comodamente per la qualificazione. Ci sarà da divertirsi qui.
Gruppo G: Ajax (Ola), Standard Liegi (Bel), Celta Vigo (Spa), Panathinaikos (Gre)

Un Ajax in piena crisi non capita di certo nel girone più semplice della competizione. Tutte 3 le squadre sono di ottimo livello, ed in particolare il Celta Vigo, seppur in terza fascia, potrebbe partire favorita per il primo posto. Panathinaikos che parte leggermente indietro rispetto agli olandesi già citati ed allo Standard Liegi, ma questo sembra essere davvero uno dei gironi più equilibrati della storia della manifestazione.
Gruppo H: Shakhtar Donetsk (Ucr), Braga (Por), Gent (Bel), Konyaspor (Tur)

Sembra segnato il destino del Konyaspor, che incontrerà squadre ben più forti di sè. Gent che può sperare in un mezzo miracolo, ma a dirla tutta sembra tutto scritto in questo girone H. Shaktar e Braga sono semplicemente superiori, e sarebbe una sorpresa vederle fuori dall’Europa League così presto. Non dovrebbero esserci sorprese.
Gruppo I: Schalke (Ger), Salisburgo (Aut), Krasnodar (Rus), Nizza (Fra)

Uno dei gironi più interessanti e combattuti in assoluto, grazie alla presenza in quarta fascia del Nizza, che è una squadra più che decente nonostante l’assenza di Ben Arfa. Il Krasnodar è catalogato da molti come potenziale sorpresa dell’Europa League, ma per andare avanti dovrà scavalcare i francesi, lo Schalke 04 ed il RB Salisburgo dell’infinito Soriano e compagni.
Gruppo J: Fiorentina (Ita), Paok Salonicco (Gre), Slovan Liberec (Cec), Qarabag (Aze)

Sorteggio indubbiamente positivo per la Viola che trova 3 squadre nettamente inferiori. Il Paok, la più agguerrita, è in pausa di campionato e rientrerà probabilmente in pessima forma, mentre lo Slovan Liberec ed il Qarabag, seppur costanti presenze in manifestazioni europee, non hanno mai impensierito nessuno e nulla fa pensare che lo possano fare quest’anno.
Gruppo K: Inter (Ita), Sparta Praga (Cec), Southampton (Ing), Hapoel Beer Sheva (Isr)

Un po’ più difficile, seppur vincibile, il girone dei Neroazzurri. Il Southampton è indubbiamente una delle squadre più agguerrite in assoluto, e la trasferta in Inghilterra sarà un vero incubo. Sparta Praga ormai da anni abituati a confrontarsi con grandi squadre, e dunque con buone possibilità di scucire punti. L’Hapoel Beer Sheva, eliminato dal Celtic in Champions League, è una ostica trasferta, in un paese pressoché sconosciuto al calcio come Israele.

Gruppo L: Villarreal (Spa), Steaua Bucarest (Rom), Zurigo (Svi), Osmanlispor (Tur)

Lo Zurigo si trova ora in seconda divisione svizzera, nonostante la buona tradizione calcistica. Osmanlispor meno appropriato di un pinguino a Rabat in questa competizione, e Villarreal e Steaua che sembrano avere bene o male una bella autostrada davanti a sè per raggiungere i sedicesimi di finale.

Print Friendly, PDF & Email

Scrivi