Intervista esclusiva all’indimenticabile attore di Tempesta d’amore: Florian Böhm, dai suoi momenti  vissuti in “Sturm der liebe” ai suoi progetti futuri

Nel 2007 hai recitato in Tempesta d’amore: che ricordi hai di quell’esperienza?

“Quando siamo partiti tutti nel 2005 da tempesta d’amore, non avevamo idea di che tipo di soap opera della serie fosse nata. Eravamo tutti molto contenti di questo enorme successo! Questo è stato un periodo di belle esperienze che non dimenticherò mai. Il fatto che la serie è diventata famosa anche in Italia mi rende molto felice e voglio ringraziare tutte le persone (fan) in Italia dal profondo del mio cuore”.

Florian Bohm e Mike Dresche hanno qualcosa in comune?

“Non penso che le somiglianze siano così grandi tra Mike Dreschke e me stesso. Prima di tutto ha avuto la sclerosi multipla e, io, grazie a dio, no. Io credo che il mio umorismo, ma anche la serietà è molto più bello del suo”.

Come mai hai lasciato tempesta d’amore? 

“In una particolare fase della sclerosi multipla, Mike Dreschke non aveva molto altro da dire sul suo personaggio, quindi la parte era stata effettivamente eseguita e i produttori hanno deciso di lasciarlo morire nel “fuori”, il che significa, che il pubblico non doveva guardare  la sua morte. Dal mio punto di vista è stata una buona decisione”.

Dal 2005 hai iniziato a lavorare come regista?

“In realtà ero sempre nelle vacanze scolastiche, in set cinematografici e attraverso i miei contatti come attore ho chiamato i registi con cui ho lavorato e ho chiesto loro di darmi la possibilità di imparare tutto ciò che riguarda il cinema. Così nel corso degli anni molto prima di tempesta d’amore,ho imparato come autodidatta”.

 

Da cosa scaturisce questa svolta? Con God’s Place sei arrivato al Festival di Cannes; una bella soddisfazione per te..

“Per amazing with god’s place, il mio primo cortometraggio, un professore di scuola di cinema è stato uno dei miei produttori, e dopo la proiezione del film mi ha detto “non andare alla scuola di cinema Florian”. Fino ad oggi non mi ha mai spiegato perché! Qualunque cosa sia arrivata a Cannes al festival del cinema e nessuno era interessato a God’s Place, quindi ho pensato “ok, è andata così”. Ma poi un ragazzo di una grande compagnia venne da me e mi chiese se sarei interessato a fare pubblicità. Così ho iniziato a dirigere il mio primo annuncio per Siemens …. e quando mi sono trasferito subito dopo a Melbourne, dove oggi vivono i miei due splendidi due figli, ho continuato a lavorare come direttore della pubblicità. Ma non è niente rispetto a diventare un “papà”.

 


Attore, regista ma anche conduttore: qual è il tuo lavoro preferito?

“Io non sono un direttore d’orchestra . Ma il mio bisnonno Karl Böhm, lo era”.

 

Quali progetti hai per il futuro?

“Sto lavorando al mio primo lungometraggio come regista. Finalmente !! È una bella storia che tutti conosciamo a proposito. Ma ho girato alcune cose più adatte per il momento, in cui viviamo adesso. È una storia di odio e perdono! Un messaggio importante penso che i giovani diventino forse migliori o chiamiamoli diversamente dal modo in cui molte persone pensano oggi quando si tratta di essere veloci con un giudizio che riguarda il razzismo e così via. La storia è “speranza” per me! Il mio piccolo contributo in tempi in cui ora i bambini piccoli cercano disperatamente qualcosa di positivo! E ad essere sinceri, devo questo anche ai miei figli. Che tipo di padre potrei non fare qualcosa di buono in questi tempi. Il pubblico ha bisogno di buone vibrazioni, non male, oltre alle notizie ogni giorno”.

 

Florian Böhm:

Film was next to the NASA the most interesting opportunity to me when I was a child! And I already was a good entertainer in school which wasn’t always good for my grades  But I had the idea myself to get an agent and said to my patents of they don’t let me at least try I’ll be a pain in the ass “

“I don’t like the description “best friend” but Lorenzo Patané and me have a white sting friendship since then. He also is The Godfather of my daughter Charlize. I think this speaks for itself”

“I’ve been so many times to Italy that’s it’s hard for me to count. One of the nicest vacations was surly with Lorenzo Patané. We drove from Napoli to ( ship in between )Catania then to Palermo . Just beautiful! I just love Italy “!!!

 

Patrizia Gallina

Print Friendly, PDF & Email