Registrati
Ti sarà inviata una password tramite email.

Salernitana,pareggio casalingo con l’Ascoli e contestazione finale

Temperatura mite all’Arechi che contrasta con il gelo sugli spalti: minimo stagionale con circa 5000 presenze. Troppo lo scoramento tra i sostenitori del cavalluccio dopo la brutta battuta d’arresto patita a Castellammare . I padroni di casa puntano all’intera posta in palio per non perdere di vista le posizioni di classifica che contano. I marchigiani,che si presentano con il 4-3-1-2, proveranno ad avere comunque la meglio .

Salernitana arrembante nel primo tempo che tiene alto il ritmo e che cerca in più riprese di penetrare la difesa picena con le incursioni degli esterni. Lombardi ,in particolare,  sembrs essere particolarmente in giornata e proprio lui al 24’trova la giocata cbe porta in vantaggio la sua squadra.  Supera in velocità due giocatori avversari e lascia partire un fendente che s’insacca nell’angolo basso dove Leali non può arrivare.  Sempre Lombardi rischia di raddoppiare sul finale ma é bravo il portiere a respingere col piede. Molta Salernitana, poco Ascoli. Sembrerebbe.

Ripresa che si apre con un Ascoli sceso in campo con tutt’altro piglio,sospinto dai duecento sostenitori a seguito. Eppure i granata trovano al 59′ il secondo goal ma la rete di Gondot non viene convalidata per dispetto fuorigioco. Le immagini a raplay ne dimostrano ,invece,la regolarità . Per il resto un monologodell’Ascoli che sfiora il pareggio in più riprese,sospinto da Da  Cruz e da Scamacca. Proprio quest’ultimo raggiunge il pareggio al 63′ sugli sviluppi di un corner con la difesa granata immobile. Gli ospiti ci credono e sfiorano il raddoppio in più occasioni con Petrucci e Cavion che combattono,però, in un super Micai. Sul finale ,dopo 6 minuti di recupero, anche la Salernitana ha la sua brava occasione col subentrato Djuric ma la conclusione del bosniaco viene respinta bene da Leali. Finisce così 1-1 tra la contestazione dei tifosi di casa ed il tripudio dei marchigiani che, probabilmente, avrebbero meritato qualcosa di più.  Oramai in casa granata tira aria di crisi

 

Print Friendly, PDF & Email

Scrivi