Registrati
Ti sarà inviata una password tramite email.

Finalmente gli Orange, con il loro calcio totale e trascinati da Ruud Gullit, vincono il loro primo trofeo continentale

Si svolge nella Germania Ovest l’ottava edizione del campionato europeo di calcio per nazioni, stessa formula di quella precedente con 32 squadre ai nastri di partenza divise come al solito in 7 gironi, dai quali si qualificano le seguenti nazionali: la Spagna dal gruppo 1, l’Italia di Vicini dal gruppo 2, l’Unione Sovietica dal gruppo 3 che fa fuori la Francia campione uscente, l’Inghilterra dal gruppo 4, l’Olanda dal gruppo 5, la Danimarca dal gruppo 6 e dal gruppo 7 la sorpresa Irlanda, alla sua prima qualificazione per la fase finale del campionato continentale.

Queste le sette magnifiche d’Europa, con la Germania Ovest padrona di casa insieme all’Italia, Spagna e Danimarca nel gruppo A, Olanda, Unione Sovietica, Irlanda e Inghilterra nel gruppo B davano vita alla fase finale della manifestazione.

Si parte il 10 giugno a Düsseldorf, con la Germania Ovest padrona di casa che affronta l’Italia di Vicini, che vede gli azzurri passare in vantaggio con Roberto Mancini al 52′ e il pareggio immediato dell’interista Andreas Brehme al 55′. Finisce 1-1 la tanto attesa rivincita tra teutonici e azzurri. Nell’altro confronto del girone la Spagna, con i gol di Michel, Butragueño e Gordillo vince 3-2 contro la Danimarca in gol con Michael Laudrup e Povlsen.

Il gruppo B parte subito con due sorprese. Il 12 giugno a Stoccarda l’Irlanda batte l’Ingilterra 1-0 con il gol di Houghton dopo 6′, mentre a Colonia con lo stesso punteggio l’Unione Sovietica piega l’Olanda con il gol di Rac.

La seconda giornata nel gruppo A vede i successi della Germania Ovest sulla Danimarca per 2-0 grazie alle reti dell’interista Klinsmann e Thon e quello dell’Italia, che con la rete di Vialli batte la Spagna e insieme ai teutonici guida il gruppo con 3 punti.

Netherlands players celebrate victory after the UEFA European Championships 1988 Final between USSR and Netherlands held on June 25, 1988 at the Olympiastadion in Munich, West Germany.

Nel girone B, dopo le sorprese della prima giornata, l’Olanda si riprende subito e batte l’Inghilterra 3-1 con la tripletta del milanista van Basten, del capitano inglese Bryan Robson il gol della bandiera per i leoni di sua maestà. Pareggiano 1-1 Irlanda e Unione Sovietica, con il vantaggio irlandese di Whelan al 38′ e il pareggio sovietico di Protasov al 74′.  Unione Sovietica, Olanda e Irlanda a giocarsi quindi le qualificazioni negli ultimi 90′.

Ultimi 90′ decisivi per i due gironi.

 

Nel gruppo A a Germania Ovest e Italia basta non perdere per qualificarsi alle semifinali ed entrambi vincono con il successo per 2-0, la Germania Ovest sulla Spagna con la doppietta di Völler e l’Italia sulla Danimarca grazie a ‘Spillo’ Altobelli e De Agostini. Padroni di casa primi del girone grazie alla miglior differenza reti sugli azzurri.

Nel girone B a fatica l’Olanda batte l’Irlanda 1-0 con la rete decisiva di Wim Kieft all’82’ e si qualifica come seconda, mentre l’Unione Sovietica vince il gruppo con il successo 3-1 sulla cenerentola Inghilterra con le reti di Alejnikov, Michajličenko e Pasulko, mentre per gli inglesi segna Adams.

La prima semifinale vede il successo di misura dell’Olanda sulla Germania Ovest per 2-1 grazie al rigore di Koeman al 74′ e il gol di van Basten all’88’, che rimontano il vantaggio momentaneo dei tedeschi col rigore di Matthäus.

Più rotondo il successo dell’Unione Sovietica, che nel secondo tempo infrange il sogno azzurro con i gol di Litovčenko e Protasov.

Così olandesi e sovietici s’incontrano per la seconda volta in questa fase finale, ma al contrario della prima partita sono gli Oragne a uscire vittoriosi con i gol del duo rossonero Gullit-van Basten. La coppa è loro.

Finalmente dopo anni di eterni secondi, il calcio totale trionfa.

Print Friendly, PDF & Email

Scrivi