Il Cagliari batte la SPAL, 2-0

Era una partita da vincere e il Cagliari ha perfettamente svolto il titolo del tema: Vittoria.

Nonostante un’altro arbitraggio pessimo, oggi Massa di Imperia.

La rete annullata era effettivamente irregolare, ma tan’è che col fantastico VAR al Cagliari è stata convalidata la rete subita realizzata irregolarmente dell’Olimpico di Roma coi giallorossi, la rete irregolare della Juventus a Cagliari, la rete irregolare del Milan sempre alla Sardegna Arena, per cui, VAR o non VAR gli arbitri decidono quello che vogliono loro, sempre, comunque e a prescindere.

Con una rete per tempo, Cigarini e Sau, i cagliaritani hanno superato i ferraresi con il medesimo risultato del Girone di Andata con una partita non trascendentale, ma quello che occorreva erano solo ed esclusivamente i 3 (tre) punti e tenere gli ospiti a distanza in classifica. L’avversario ha fatto quello che ha potuto, un pò troppo poco credo dirà Semplici, il mister della Spal? A rischio la sua panchina ? Edoardo Reja da Gorizia sembrerebbe essere in preallarme se nelle prossime due-tre partite, peraltro difficili, non ci sarà un cambio di rotta.  Milan e Crotone in casa, Napoli in trasferta. E meno male che la scorsa settimana è passata l’Internazionale di Milano al Mazza di Ferrara a lasciare gentilmente 1 (un) punticino! Forse l’esonero di Semplici andrebbe fatto oggi per dare una scossa alla squadra ma cacciare l’uomo che dopo 49 anni ha riportato il calcio che conta a Ferrara è difficile. Certe decisioni impopolari devono essere prese. Sarebbe più opportuno salvare Semplici o la Serie A per l’anno prossimo? (Domanda retorica!).

Gli ospiti non hanno mai messo in difficoltà il portiere Cragno, nemmeno una parata per il ragazzo di Fiesole e per una difesa incentrata sul neo acquisto (prestito secco con la Roma) di Castan. Si è visto abbastanza in difficoltà Andreolli (perchè preferirlo a Romagna? infortunato l’ex Juve?).

Barella, il gioiellino tanto desiderato da Club di tutta Europa, ha beccato, al rientro, assieme a Joao Pedro un cartellino giallo; troppo nervoso il “cucciolo” che mercoledì compirà 21 anni, forse, si sente troppo sicuro di se in certe circostanze. Nello specifico, in occasione dell’ammonizione odierna, dalla Tribuna è sembrato che l’arbitro non l’avesse ammonito per il fallo ma per le proteste. Troppo spesso il ragazzo cade nella melensa e malsana idea di avere fatto giusto quando, spesso, non è vero. Dovrebbe imparare a stare zitto e a far risparmiare agli arbitri i cartellini, sebbene Massa di Imperia anche oggi sia stato pessimo nella gestione delle ammonizione che, alla fine della giostra, è finita 5 a 2 pr il Cagliari!

 

Cagliari (3-5-2): Cragno; Andreolli, Ceppitelli, Castan; Faragò, Barella (88′ Dessena), Cigarini, Joao Pedro (81′ Ionita); Padoin; Farias (74′ Sau), Pavoletti. All.: Diego Lopez

Spal (3-5-2): Meret; Cionek, Vicari (82′ Schiattarella), Felipe; Lazzari, Kurtic, Viviani (67′ Paloschi), Grassi, Mattiello (59′ Costa); Antenucci, Floccari. All.: Semplici

Arbitro: Massa

Marcatori: 34′ Cigarini, 77′ Sau (C)

Ammoniti: Cigarini, Barella, Joao Pedro, Sau, Castan (C) Vicari, Mattiello (S)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Moderazione dei commenti attiva. Il tuo commento non apparirà immediatamente.

PUBBLICITA

LEGGI ANCHE

Sant’Antonio Abate, presentato in anteprima “Tuono”, l’ultimo libro di Gaetanina Longobardi

Tuono, l'ultimo libro di Gaetanina Longobardi edito da Homo Scrivens, un romanzo rosa che tinge di nero

Monster – L’angolo del Nerd e dell’Otaku

Il giovane e brillante medico giapponese Kenzo Tenma, emigrato in Germania per motivi di studio, opera e salva un bambino gravemente ferito alla testa, Johan Liebert. Quest'ultimo e sua sorella Anna sono gli unici sopravvissuti al massacro della loro famiglia. Tuttavia Kenzo, per salvare il bambino, si era rifiutato di operare il Sindaco di Dusseldorf.  All'improvviso tutti i detrattori di Kenzo muoiono in circostanze misteriose e i due fratelli scompaiono. Nove anni dopo il dottore scopre una verità sconvolgente: Johan aveva ucciso i suoi genitori ed era stata la sorella stessa a sparargli. Inoltre il ragazzo è responsabile di una serie di omicidi in tutta la Germania. Sentendosi colpevole di aver salvato un vero e proprio mostro, Kenzo (aiutato dalla sorella di Johan, che nel frattempo ha cambiato nome) decide di cercare Johan ed ucciderlo. Il suo viaggio lo porterà a visitare l'intera Germania ancora divisa, imbattendosi in una misteriosa organizzazione, nota come 511 Kinderheim.

Big Data nel marketing: come sfruttarlo nell’era digitale

Big Data nel marketing: come sfruttarlo e le strategie per una comunicazione di successo

Al Comune di Cellole vengono riconosciute tre Bandiere Blu

Per la stagione turistica estiva del 2024 vengono riconosciute le Bandiere Blu dalla Foundation for Environmental Education. Fra le new entry di quest'anno c'è anche Cellole

ULTIME NOTIZIE

PUBBLICITA