Registrati
Ti sarà inviata una password tramite email.

Giuseppe Pagana, ex allenatore del Siracusa, racconta ai nostri microfoni il campionato di Serie C facendo i complimenti alla Juve Stabia e raccontando il gioiello dei leoni, Federico Nahuel Vázquez.

Che campionato ha visto?

Un campionato duro e difficile, molto combattivo. In questa categoria conta molto l’organizzazione societaria se vuoi fare bene.
La Juve Stabia ha vinto con merito, ottimi giocatori,ottima dirigenza, una base messa l’anno prima insomma le vespe sono un esempio di organizzazione, chi vorra’ vincere dovra’ prendere esempio.

A Proposito di Juve Stabia, quel corteggiamento in estate di Federico Nahuel Vázquez..

Tutto vero, confermo che ci fu un forte interessamento del Direttore Polito.

 

A proposito dell’Argentino che cosa ci puo’ dire?

Vázquez e’ il piu’ forte della categoria, e’ il piu’ completo, questo lo sostengo da questa estate. Lui segna gol belli ed importanti.
Con me era partito bene, poi con la gestione Pazienza si e’ perso causa infortunio, quando e’ rientrato ha fatto bene.
Per me lui ha messo una firma importante sulla stagione del Siracusa e non a caso a realizzato anche dei goal pesanti e belli
come quelli contro Sicula Leonzio e Catanzaro.

E’ pronto per il salto in cadetteria?

Secondo me si. Lui ha avuto anche un passato in Serie A Argentina, poi si e’un pochino perso a Troina si e’ ritrovato. Molto dipende anche da lui.

 

La delusione del torneo?

La Casertana, non hanno mai lottato per il primato. Almeno Catania e Catanzaro hanno provato a dare fastidio alla Juve Stabia.

Sul futuro?

Ovviamente e’ presto, ho avuto qualche contatto ma non ho fretta. Ho bisogno di un progetto per allenare e fare il mio lavoro in modo sereno.

Un suo collega allenatore diceva, in Italia Poca pazienza con gli allenatori…

E’ una regola non scritta del calcio, fa parte del gioco. Quando le cose vanno male sei il primo a pagare, succede anche in Serie A, Pero’ esistono anche esempi positivi, come Gasperini che fu esonerato troppo presto dall’Inter ed ora e’ allenatore del momento, va cosi’ in Italia, purtroppo ci sono persone che dimenticano quello che di positivo hai fatto durante la tua carriera.

Si ringrazia Giuseppe Pagana per il tempo concesso per questa intervista

Print Friendly, PDF & Email

Scrivi