Registrati
Ti sarà inviata una password tramite email.
0 0 Voto
Vota Articolo

Per la Sampdoria un brutto scivolone interno contro un Bologna sicuramente in palla ma agevolato dagli errori difensivi dei blucerchiati che, dopo essere passati in vantaggio, hanno spianato la strada agli ospiti.

Sampdoria-Bologna: Primo tempo

Ranieri risolve il ballottaggio tra Ekdal e Adrien Silva facendo giocare entrambi e schierando così un 4-5-1 inedito, in cui è sacrificato Ramirez che deve accomodarsi in panchina; in campo anche Damsgaard. Per il Bologna nessuna sorpresa rispetto alle previsioni della vigilia. I rossoblu partono forte e fanno molto girare la palla ma i blucerchiati sono attenti e ripartono specie sulla destra con un attivo Candreva. Dall’altra parte manca un certo Augello e si vede. Al 7′ la Sampdoria passa in vantaggio con un bel colpo di testa di Thorsby su azione di calcio d’angolo. Un gol che sembra spianare la strada ai padroni di casa, ma è solo un’illusione. Il Bologna continua a fare la partita ma i pericoli per Audero vengono solo da un diagonale di Palacio, deviato dal portiere (20′), e da una clamorosa traversa colpita da Orsolini (22′) servito bene in profondità ma di poco in fuorigioco.

Embed from Getty Images

La Sampdoria sembra in controllo ma il calcio è fatto anche di episodi e così su un calcio d’angolo ospite, Regini si fa sorprendere dalla traiettoria della palla e, pur non essendo pressato da avversari, devia con lo stinco nella propria porta (44′). Autorete quasi incredibile che galvanizza il Bologna e demoralizza i padroni di casa.

Secondo tempo

Gli ospiti rientrano in campo caricati dal pari e arrivano subito al raddoppio con una bella azione di Barrow che pesca con un lungo lancio Orsolini nell’area piccola all’altezza del secondo palo e l’attaccante realizza di testa (6′). Altro infortunio difensivo con Regini che perde l’avversario e Audero che in uscita avrebbe potuto fare di più.

Embed from Getty Images

La reazione della Sampdoria porta ad una mischia in area in cui Quagliarella non riesce ad inquadrare la porta (10′). Il capitano si ripete poi di testa su traversone dello stesso Regini ma la palla finisce non distante dal palo (15′). Dopodiché i blucerchiati spariscono, o quasi, dal campo. Il Bologna gestisce benissimo la partita e continua a pungere in contropiede. Anche le sostituzioni di Ranieri sono indice di scarsa lucidità perché prima entra Ramirez al posto di Adrien Silva (21′) e poi Jankto al posto di Regini (25′) per andare a fare l’esterno basso di difesa.

La squadra è ormai in confusione totale e non riesce più a rendersi pericolosa: forse un quarto d’ora con Gabbiadini  o Verre. o entrambi, in campo sarebbe servito. Anche Ranieri è espulso per qualche parola di troppo detta all’arbitro. Il Bologna sfiora il terzo gol da lontano con Barrow (30′) e poi con Palacio che calcia su Audero (33′). Allo scadere l’attaccante centra anche il palo (45′). I rossoblu legittimano così la vittoria.

Per la Sampdoria giornata da dimenticare. Si salva solo Thorsby

Una giornata da dimenticare in fretta per la Sampdoria, alla seconda sconfitta consecutiva, anche in vista del derby di Coppa Italia del prossimo giovedì. Nel marasma generale si è salvato solo Morten Thorsby: il norvegese ha segnato, corso a tutto campo, recuperato palloni, impostato il gioco, raddoppiato la marcatura dove c’era bisogno. Il giocatore, da un anno a questa parte, è anche migliorato tecnicamente. Un jolly davvero prezioso e un punto fermo.

Embed from Getty Images

Il tabellino:

Sampdoria 1     Bologna      2

Sampdoria (4-5-1): Audero; Bereszynski, Yoshida, Colley, Regini (25′ s.t. Jankto); Ekdal, Candreva, Thorsby, Silva (21′ s.t. Ramírez), Damsgaard; Quagliarella.
A disposizione: Ravaglia, Letica, Rocha, Verre, Askildsen, La Gumina, Gabbiadini, Ferrari, Léris, Prelec.
Allenatore: Ranieri.
Bologna (4-2-3-1): Skorupski; De Silvestri, Danilo, Tomiyasu, Hickey; Schouten (34′ s.t. Medel), Svanberg (24′ s.t. Dominguez); Orsolini (41′ s.t. Sansone), Soriano, Barrow (41′ s.t. Vignato); Palacio.
A disposizione: Da Costa, Denswil, Paz, Mbaye, Poli, Baldursson, Vergani, Ruffo Luci.
Allenatore: Mihajlovic.
Arbitro: Marinelli di Tivoli.
Assistenti: Rossi di Rovigo e Zingarelli di Siena.
Quarto ufficiale: Fourneau di Roma 1.
VAR: Massa di Imperia.
AVAR: Alassio di Imperia.
Note: espulso al 41′ s.t. Ranieri per proteste; ammoniti al 9′ p.t. Hickey, al 42′ p.t. Palacio, al 24′ s.t. Thorsby, al 26′ s.t. Ramírez per gioco scorretto, al 43′ p.t. Mihajlovic per proteste; recupero 0′ p.t. e 6′ s.t.; terreno di gioco in buone condizioni.

 

(dati tabellino tratti da www.sampdoria.it)

 

 

 

 

 

Print Friendly, PDF & Email
0 0 Voto
Vota Articolo
Iscriviti
Notificami
guest
0 Commenti
Inline Feedbacks
Vedi tutti i commenti
0
Clicca qui e lasciaci un commento! Grazie.x
()
x
Enable Notifications    OK No thanks