Registrati
Ti sarà inviata una password tramite email.
0 0 Voto
Vota Articolo

La Sampdoria gioca e lotta ma esce sconfitta da Marassi ad opera di un Sassuolo sicuramente in palla, che però ha anche approfittato degli errori difensivi dei blucerchiati che hanno compromesso quanto di buono è stato fatto nella fase offensiva. Probabilmente non si tratta solo di sfortuna ma di limiti che questa squadra si porta dietro da tempo: e così sono tornati i fantasmi di qualche settimana fa. Nota positiva è stata il rientro di Balde, poi espulso nel finale, che ha inciso e convinto cambiando la partita, anche se questo non è stato sufficiente per evitare la sconfitta.

Sampdoria-Sassuolo: primo tempo

Sampdoria con Yoshida sulla fascia in difesa con Thorsby nuovamente spostato in mezzo al campo. Adrien Silva parte dalla panchina. Per il resto nessuna sorpresa rispetto alle previsioni della vigilia.

Si parte e il Sassuolo va subito in gol: grave errore di Tonelli che regala la palla a Boga, da questi a Caputo; quest’ultimo, pur sbagliando il controllo, riesce a servire Traore che sigla il vantaggio (2′). La partenza dei neroverdi è davvero forte e la Sampdoria è costretta a difendersi. Berardi sfiora il raddoppio con un gran sinistro su cui Audero è costretto in angolo (10′).

Embed from Getty Images

La Sampdoria reagisce e comincia ad alzare il pressing nella metà campo avversaria andando alla conclusione, prima con Ekdal, il cui tiro termina fuori di poco (23′) e poi, di testa, con Colley (33′). Ma quando il Sassuolo parte in velocità, con rapide triangolazioni in mezzo al campo, rischia sempre di far male e in effetti Caputo va in gol su cross di Kyriakopoulos, ma l’attaccante controlla con un braccio: gol annullato e ammonizione (34′). Poco dopo si infortuna Thorsby che, dopo un contrasto aereo, cade male sulla schiena rimediando una forte contusione ed è costretto a lasciare il posto a Silva (37′). Sampdoria ancora in avanti: Tonelli stacca di testa su angolo battuto da Jankto e il pallone esce di poco (41′). Si va negli spogliatoi.

Sampdoria-Sassuolo: secondo tempo

Ripresa che comincia ad alti ritmi e Sampdoria che si riversa nella metà campo avversaria alla ricerca del pari, che arriva al 10′: Quagliarella riceve un pallone al limite dell’area, si gira rapidamente e, di destro, coglie l’angolo basso alla sinistra di Consigli che non può nulla, anche a causa di una lieve deviazione di un compagno. Ma il pari è solo illusorio, perché dopo poco più di un minuto c’è una incursione in area di Berardi il cui tiro è respinto da Audero sui piedi di Colley: la carambola favorisce Caputo che, da due metri, deposita in rete (12′). Non basta perché, dopo un altro minuto, su azione quasi in fotocopia, va al tiro Boga, Audero respinge, Augello liscia e Berardi non sbaglia (13′).

Embed from Getty Images

E’ il risultato degli enormi spazi lasciati nelle retrovie dagli uomini di Ranieri: la squadra ha infatti a volte il difetto, quando si spinge in avanti, di allungarsi e di conseguenza perdere in compattezza venendo presa di infilata dagli avversari; il Genoa, ad esempio, ha vinto l’ultimo derby di Coppa Italia segnando due gol simili.

Nel Sassuolo in campo Obiang, uno dei tanti ex di giornata, al posto di Magnanelli (15′). Una dura entrata da dietro di Chiriches su Ramirez è punita dall’arbitro solo con il giallo (23′), episodio molto discutibile. Ranieri, forse un po’ tardivamente, opera un triplo cambio dando spazio a Candreva, Balde e Leris al posto di Damsgaard, Ramirez e Yoshida (29′). Il senegalese entra subito in partita e impegna Consigli, in due tempi, con un gran destro (33′). Dopo due minuti è Ekdal ad impegnare il portiere avversario (35′).

Arriva quindi il momento di Verre,  al posto dell’infortunato Jankto (36′). Poi è ancora Balde ad impegnare a terra il portiere avversario (38′). Dopo un minuto il senegalese pareggia: schema su angolo di Candreva che, rasoterra, pesca l’attaccante il quale, libero in area, incrocia splendidamente di destro e pesca l’angolo alla destra di Consigli (39′). Ci sarebbe il tempo per un clamoroso pari, che lo stesso Balde sfiora con un colpo di testa alto di poco (44′): sarebbe stata la ciliegina. Invece, nel recupero, per l’attaccante arriva solo un discutibile rosso diretto a causa di un’entrata da dietro su Traore, un intervento duro, con cui Balde prende palla e piede, ma non certo da espulsione. E così il senegalese, dopo lo splendido quarto d’ora di oggi, sarà di nuovo costretto a star fuori.

Il tabellino

Sampdoria 2    Sassuolo     3

Sampdoria (4-4-2): Audero; Yoshida (28′ s.t. Léris), Tonelli, Colley, Augello; Jankto (36′ s.t. Verre), Thorsby (37′ p.t. Silva), Ekdal, Damsgaard (28′ s.t. Candreva); Ramírez (28′ s.t. Balde); Quagliarella.
A disposizione: Ravaglia, Letica, Rocha, Verre, Askildsen, Regini, La Gumina.
Allenatore: Ranieri.

Sassuolo (4-2-3-1): Consigli; Muldur (28′ s.t. Ayhan), Chiriches (42′ s.t. Peluso), G. Ferrari, Kyriakopoulos; Locatelli, Magnanelli (14′ s.t. Obiang); Berardi (42′ s.t. Haraslin), Traoré, Boga; Caputo (28′ s.t. Raspadori).
A disposizione: Pegolo, Turati, Marlon, M. Lopez, Toljan, Oddei, Bourabia.
Allenatore: De Zerbi.
Arbitro: Ayroldi di Molfetta.
Assistenti: Pagliardini di Arezzo e Saccenti di Modena.
Quarto ufficiale: Serra di Torino.
VAR: Banti di Livorno.
AVAR: Cecconi di Empoli.

Reti: p.t. 2′ Traoré; s.t. 10′ Quagliarella, 12′ Caputo, 13′ Berardi, 39′ Balde.
Note: espulso al 47′ s.t. Balde per gioco scorretto; ammoniti al 34′ p.t. Caputo, al 49′ s.t. Locatelli per comportamento non regolamentare, al 44′ p.t. Magnanelli, al 4′ s.t. Colley, al 23′ s.t. Chiriches, al 27′ s.t. Tonelli per gioco scorretto; recupero 2′ p.t. e 4′ s.t.; terreno di gioco in non perfette condizioni.

(dati tabellino tratti da www.sampdoria.it)

 

 

Print Friendly, PDF & Email
0 0 Voto
Vota Articolo
Iscriviti
Notificami
guest
0 Commenti
Inline Feedbacks
Vedi tutti i commenti
0
Clicca qui e lasciaci un commento! Grazie.x
()
x