Registrati
Ti sarà inviata una password tramite email.

L’umore attorno al Trapani Calcio non era dei migliori e lo si è visto oggi, giorno della conferenza stampa indetta dall’Amministratore Delegato Maurizio De Simone. A questo appuntamento, si sono presentati i giornalisti e alcuni tifosi (una massa degli ultras). L’inizio della conferenza stampa non è dei migliori, in quanto lo stesso AD si è sfogato rispondendo a delle critiche, minacce che gli sono state recapitate. Subito dopo, ha voluto parlare delle questioni che sono accadute in questi giorni (tra cui l’esonero di Rubino) anche se, in alcune, non ha voluto esprimersi per come si deve. Ecco cosa ha detto nello specifico.

LE PAROLE DELL’AMMINISTRATORE DELEGATO DEL TRAPANI CALCIO

“Ho voluto indire questa conferenza stampa per parlare di alcune problematiche e delle offese che ho ricevuto in questi giorni. Vi dico chiaramente che, ho rilevato dei debiti lasciati dalla vecchia società anche se già sapevo questa situazione. I fornitori non sono stati pagati da Luglio fino a Marzo 2019 e mi sono prefissato un budget che rimane tale. Ho già prefissato l’obiettivo di iscrivere al Trapani con la somma di 800 mila euro. Io non mi fermerò di certo adesso e vi dico che non sono un pagliaccio. Io voglio andare in B, ma prima penso al Trapani. Genovese? Lo conosco, ma non verrà. Non rubo soldi a nessuno, perché ho già speso alcuni per il Trapani e continuerò a farlo e sto cercando di ridurre alcune spese. Sull’intervista al Giornale Di Sicilia? Non era un’intervista, era un sfogo. Se vi siete sentiti offesi vi chiedo scusa ma, pretendo le scuse dall’Editore di Telesud che non sa nemmeno chi sono io. Iscrizione? Iscriveremo la squadra entro quel termine prestabilito, per il passaggio di proprietà mancherebbe la lettera di referenza bancaria. Abbiamo consegnato la prima documentazione a Marzo e a fine mese ci sarà la prima bozza di bilancio e dobbiamo programmare un’iscrizione delle mensilità. I magazzinieri sono stati pagati, ai giocatori ho chiesto di pazientare. Se non paghiamo i giocatori il Trapani sparisce e quindi avranno tutto in tempo. Rubino? Non c’era unità di intenti, altro non posso dire. Italiano? Ha fatto una stagione fantastica con la squadra, gli ho chiesto di rimanere perché Trapani ha bisogno di lui. Avvoltoi locali? Ci sono e si servono di persone esterne. Sostituto di Rubino? Non c’è ne bisogno. Però vi chiedo di farmi lavorare e rispettare tutte le scadenze e vi dirò che verrà presa un’altra decisione su qualche dipendente. Bulgarella? Si l’ho incontrato ed è una persona disponibile ma non ho chiesto aiuto a lui. Romania? Non sono mai andato li. Se le banche mi hanno prestato 500 mila euro? Mai ricevuti”.

Print Friendly, PDF & Email

Scrivi