La splendida storia vera di un grande italiano: Comandante, trama e recensione

Una storia sconosciuta ai più, che valeva la pena raccontare: “Capitano” di Edoardo Angelis con Pierfrancesco Favino

Durante la seconda guerra mondiale al comando del sommergibile “Comandante Cappellini” c’era il messinese Salvatore Todaro (Pierfrancesco Favino), che poteva starsene a casa accanto alla consorte Rina (Silvia D’Amico) per problemi alla schiena e invece navigava pericolosamente in mare aperto. Quando una nave belga attacca il sommergibile quest’ultimo la affonda con il cannone di bordo e Todaro raccoglie e traina ventisei naufraghi, nonostante per lui sia poco sicuro navigare in superficie.

Punti Chiave Articolo

Capitano, recensione

Il nuovo film di De Angelis, scritto con Sandro Veronesi, porta in dote un importante e attualissimo messaggio, insito nel nostro dna di italiani. Eroismo a parte si tratta di umanità, di solidarietà e coraggio oltre i pur onnipresenti timori, del prendersi cura di chi è in difficoltà, del soccorrere l’altro al di là di qualsiasi convenzione contraria. C’è tutto il paese in questa storia vera, ricostruito nei molteplici dialetti e inflessioni dell’equipaggio.

L’utilizzo di effetti speciali (ai quali ha lavorato Kevin Tod Haug: “Quantum of Solace”, “Panic Room”) non inficia sul crudo realismo, misto ad un’aura volutamente epica e fastosa. Si sentono tutti insomma gli oltre quattordici milioni di euro di budget, insieme all’ausilio degli archivi della Marina Militare e del diario di bordo del sommergibile Cappellini. Non era facile ricostruire una copia fedele dell’imbarcazione anche perché le fonti da cui attingere informazioni erano scarse o nulle. Alla fine però è venuta fuori una replica lunga oltre settanta metri davvero notevole, che è stata portata anche nel Mar Piccolo di Taranto.

Favino è la solita garanzia e interpreta qui un personaggio visionario nella sua capacità di guardare lontano, prevedere e fare le scelte più giuste in tal senso. Tanto che a fine visione ci piacerebbe sapere ancora di più sulla persona di Salvatore Todaro, su ciò che lo muoveva e sui suoi stati d’animo.

Una storia sconosciuta ai più, che valeva la pena raccontare, divisa tra la claustrofobia degli interni del sommergibile e il mare, immersa in un’atmosfera sinistra, rappresentata da immagini affascinanti. Di fondamentale importanza anche il gran lavoro sul sonoro, nell’ennesima buona prova di De Angelis che riesce a rifuggire quasi sempre la retorica e a percorrere senza problemi le sue ore di durata anche se lo script non appare sempre coeso.

“Comandante” è sbarcato nelle nostre sale a partire dal 31 ottobre 2023 e al momento occupa la terza posizione nella classifica degli incassi al botteghino, alle spalle di “C’è ancora domani” dell’esordiente regista Paola Cortellesi (che abbiamo recensito qui)

PUBBLICITA

LEGGI ANCHE

Juve Stabia niente partita!

P

Juve Stabia a Capracotta, le foto del ritiro

La Juve Stabia è in ritiro a Capracotta in Molise a preparare l'agognata Serie B, giunta dopo un campionato esaltante. Le foto della Juve Stabia...

Siracusa Calcio, si chiude la prima settimana di campagna abbonamenti

Siracusa Calcio, nella giornata di ieri si è conclusa la prima settimana di campagna abbonamenti riservata alla prelazione

Software gestione aziendale 2024: tutte le ultime tendenze

Software gestione aziendale 2024: tutte le ultime tendenze e le innovazioni che trasformano il modo di lavorare delle imprese.

ULTIME NOTIZIE

PUBBLICITA