Swamp Thing di Alan Moore- L’angolo del Nerd e dell’Otaku

Alec Holland è un ricercatore che sta lavorando ad una formula che consentirebbe alle piante di resistere a qualunque condizione, anche nel deserto. Il suo laboratorio viene distrutto da un incendio doloso che disperde la formula nella palude dove Holland vive. L’esplosione conseguente uccide, apparentemente, il ricercatore che, venuto in contatto con le pinte mutate, si trasforma in un essere vegetale: Swamp Thing.

Queste sono le origini del personaggio DC Comics creato da Len Wein alla storia e Bernie Wrighston alle tavole nel 1972. Il successo è inizialmente alto ma, dopo dieci numeri, complice l’abbandono di Wrighston, le vendite calarono. Inoltre la MARVEL accusò la DC di aver copiato sia le l’origini che l’aspetto (e di fatto anche il nome), dal personaggio Man-Thing. Tutto questo decretò la chiusura della serie al ventiquattresimo volume.

E cosa centra Alan Moore? Nel 1982 il regista americano Wes Craven dirige l’omonimo adattamento cinematografico è ciò spinge Wein a rilanciare la serie. Decide quindi di rivolgersi allo scrittore inglese Alan Moore. L’autore di From Hell, dopo qualche tentennamento, accettò. Scrivendo, a mio avviso, la sua opera migliore.

 

Moore, infatti, nei primi numeri della sua rivisitazione (dal 1984 al 1987), reinventò le origini del personaggio, inserendo molto della sua personalità. Usando una splendida prosa, molto evocativa, e sottolinea le tematiche più metafisiche, filosofiche e letterarie di un personaggio che, grazie a Moore, sfugge da ogni schema sia del genere horror classico così come da quello dei fumetti principali della DC. Inoltre Swamp Thing perde molte delle sue caratteristiche umanoidi e viene disegnato con viticci, fogliame, addirittura con dei tuberi commestibili che gli crescono sulla schiena.

Inoltre nella serie, numero 27 del 1985, debutta un personaggio che avrà un incredibile successo, tanto da meritare una serie, un film ed una serie TV tutti suoi: il mago John Constantine.

Curiosità: Diversi elementi di Swamp thing (il gruppo di Serial Killer definito “Collezionisti”, la lotta con una creatura dell’Ombra, le case del Mistero e dei Segreti di Caino e Abele) saranno ripresi nelle serie Sandman di Neil Gaiman.


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

PUBBLICITA

LEGGI ANCHE

Savoia notizie sullo stadio

  Savoia calcio attraverso i canali ufficiali arriva un news per il campionato 2025: La Famiglia del Savoia Calcio ringrazia tutto lo staff dello stadio Vittorio...

Castellammare. 50enne minaccia agenti di Polizia Locale: denunciato

  L'uomo è stato sorpreso e sanzionato mentre sfrecciava su una bici elettrica in Villa Comunale Contrastare l'utilizzo delle biciclette a pedalata assistita in Villa Comunale....

Il quarto Memorial Peppe Rizza per ricordare la freccia di Noto

Il quarto Memorial Peppe Rizza sta per avere inizio Un evento che si rinnova da quattro anni per ricordare ed onorare la memoria di Giuseppe...

Geolier allo Stadio Diego Armando Maradona abbraccia il suo popolo di fans

Tre date ed oltre 145000 spettatori per il debutto negli stadi del rapper napoletano Emanuele Palumbo in arte “ Geolier “.

ULTIME NOTIZIE

PUBBLICITA