Pompei Street Festival, una rassegna che oltre al territorio, promuove la partecipazione giovanile

“E mò?” –  ci si chiede quando, dopo giorni di grande festa, di musica, di cinema, di arte, di colore, di partecipazione, di condivisione, di gioia, di libertà, il Pompei Street Festival giunge al termine.

Inutile, girarci troppo intorno. Dal Pompei Street Festival si esce cambiati, sicuramente arricchiti.  Per molti rappresenta un’occasione di crescita, per altri una vera e propria iniziazione, una scoperta, la raccolta di quel seme che potrà sfociare in una vita della quale non si aveva consapevolezza o alla quale non si credeva abbastanza.

Testimoni di tutto ciò:

  •  i giovanissimi che, armati di pennelli e bombolette, hanno preso parte al progetto “I miei spazi” e “Paint by Number” presso la Fonte Salutare;
  • Fabiana Caccavello e Tonia Barone, le due talentuose studentesse, vincitrici del concorso scolastico di comunicazione visiva, che hanno avuto la possibilità di dipingere sotto gli occhi di tutti al pari di artisti di fama internazionale;
  • i ragazzi che hanno partecipato al Klimax Drama Lab, il laboratorio di recitazione diretto da Luca Varone sfociato in un meraviglioso spettacolo costruito sul discorso di Pericle agli ateniesi del 461 a.C. ancora oggi di grande attualità;
  • i ragazzi che hanno preso parte al workshop fotografico tenuto da Carmen Miccio, così come quelli che hanno partecipato al Cinema Cell for student.

E ancora:

  •  “Les Tableaux  Vivant”, lo spettacolo messo su dagli studenti dell’Istituto Comprensivo “A.Maiuri coadiuvati dai loro insegnanti, le professoresse d’arte Cinzia Autieri, Mariarosaria Iozzino e Maria De Palma, oltre il docente di sostegno e garante delle persone con disabilità del Comune di Pompei, Angelo Di Prisco.
  • il Cosplay Contest al quale hanno partecipato tantissimi ragazzi curando la realizzazione dei loro costumi e partecipando alla gara che ha visto vincitore Paolo Izzo nei panni insanguinati delll’Uomo Motosega;

E poi spettacoli come “Ma dove vivono i cartoon?” dove i più piccini hanno potuto incontrare i personaggi della Famiglia Addams, ma in tutta onestà sono stati gli adulti quelli più esagitati quando si sono ritrovati dinanzi Gomez, Morticia, Cugino Itt, Zio Fester, Lurch con Mano sulla spalla, Nonna,  Mercoledì e Pugsley.

Pompei Street Festival, perfetta sinergia tra associazioni, scuola, famiglie e organizzazione della rassegna

Il Pompei Street Festival, dunque, si allarga, si estende sempre più, coinvolgendo proprio tutti, grandi e piccini. Non si resta ad ammirare il lavoro degli altri, quello che artisti di fama internazionale eseguono sotto gli occhi di tutti. No! Al Pompei Street Festival è l’intera comunità chiamata a cimentarsi, a mettersi in discussione, a realizzare piccoli e grandi sogni.

Durante le giornate del PSF i ragazzi hanno preso parte ad un progetto di respiro internazionale che ha permesso loro di acquisire padronanza, protagonismo, ma anche responsabilità; una sinergia perfetta tra associazioni, scuola, famiglie e organizzazione della rassegna ideata da Nello Petrucci che, ancor più delle scorse edizioni, oltre al territorio, ha promosso la partecipazione giovanile contrastandone la dispersione che il più delle volte si traduce in povertà educativa.

Ed è così, coinvolgendo tutti, grandi e piccini, che il meraviglioso sogno di Nello Petrucci, anno dopo anno, ambisce a diventare un sogno universale, diventando così il sogno di tutti.

Sognate, dunque. Fatelo più forte che potete!” 

(Nello Petrucci)

 

Cospaly Contest
Cospaly Contest – Pompei Street Festival 2023
Klimax Lab di Luca Varone
Klimax Lab di Luca Varone – Pompei Street Festival 2023
Les Tableaux Vivant
Les Tableaux Vivant – Pompei Street Festival 2023
Tonia e Fabiana, le due talentuose studentesse che hanno realizzato l’urlo di Munch in Via Sacra
Giovanissime all’opera in Via Lepanto – Pompei Street Festival 2023
Ma dove vivono i cartoon? – Pompei Street Festival 2023
Ma dove vivono i cartoon? – Pompei Street Festival 2023

SEGUI MAGAZINE PRAGMA: Attualità, Politica, Cinema, Teatro, Musica, Libri, Cultura, Arte, Manga e Anime, Sport, Calcio, Motori, Running, Salute e Benessere, Enogastronomia, Moda, Donne, Viaggi, Consigli Legali, Hi-Tech, Casa e Arredo, Eventi, Solidarietà, Curiosità, Storie, Cronaca locale e tanto altro ancora.

PUBBLICITA

LEGGI ANCHE

Come prepararsi a un viaggio in Lapponia: abbigliamento e accessori da mettere in valigia

Ci sono viaggi che tutti sognano di fare almeno una volta nella vita. Il motivo è legato al fascino delle destinazioni, terre sospese tra...

Meglio guardare la partita o fare un’escursione sul Sentiero degli Dei? (video)

Qualche settimana fa ci siamo trovati di fronte ad un dilemma: "Meglio guardare la partita di calcio della Nazionale Italiana o fare una passeggiata/escursione sul Sentiero Degli Dei, tra Agerola e Nocelle?"

A Salerno inizia il programma “Mare Azzurro”

A Salerno inizia un programma di pulizia della zona balneare e del lungomare della città. Inoltre i cittadini potranno inviare segnalazioni in caso di problematiche.

Cos’è il Programma GOL?

Il Programma GOL è una nuova opportunità che viene proposta alle persone disoccupare per trovare un'occupazione. Il Programma GOL, Garanzia di Occupabilità dei Lavoratori, viene finanziato dall'Unione Europea.

ULTIME NOTIZIE

PUBBLICITA