Registrati
Ti sarà inviata una password tramite email.

Area 51, lo spazio aereo è stato chiuso

Oggi, 20 settembre 2019, è il giorno della preannunciata invasione dell’Area 51, la base militare degli USA che custodirebbe la prova dell’esistenza degli alieni.

Nato per gioco il 27 Giugno, l’evento Facebook “Invadere l’Area 51” divenne immediatamente virale. Da ogni parte del mondo, tra il serio e il faceto, l’evento raccolse oltre un milione di adesioni.

Il piano era darsi appuntamento alla base militare statunitense il giorno 20 Settembre 2019  alle ore 16.30 ora locale (1.30 di sabato 21 in Italia) e correre verso il varco d’accesso come Naruto, con le braccia indietro, schivando i colpi che sarebbero arrivati a difesa dell’incursione.

Il numero di adesioni destò particolare preoccupazione e per questo motivo l’evento, promosso solo per scherzo, fu annullato e rimosso.

Invadere l’Area 51:evento annullato, ma resta la preoccupazione

Per precauzione la Federal Aviation Administration ha comunicato che lo spazio aereo intorno all’Area 51 è stato interdetto ai voli. Il blocco è iniziato il 18 Settembre e proseguirà fino al 23 Settembre.

Nei giorni scorsi sono stati arrestati due turisti olandesi che pare si apprestassero ad invadere l’Area anche attraverso l’utilizzo di droni. Ora si trovano in una prigione del Nevada. I due olandesi hanno negato di voler partecipare all’evento. Oltre al drone e ai telefoni, avevano telecamere e laptop.

Si teme che nelle prossime ore altri “buontemponi” possano prendere iniziative simili.

Azione legale contro l’ideatore e Facebook

Le autorità locali stanno considerando di intraprendere un’azione legale nei confronti di Matty Roberts, l’ideatore dell’evento ed anche nei confronti di Facebook che ne ha permesso la diffusione.

Per difendere la base militare dal preannunciato attacco, la contea dovrà sopportare notevoli spese. Oltre ai Naruto Runner, la base dovrà essere difesa anche dagli occhi dei curiosi che dalle prime ore di mercoledì 18 settembre si stanno radunando con i loro caravan pronti ad assistere all’invasione.

 

 

Print Friendly, PDF & Email

Scrivi