Australia, non sembra placarsi l’invasione dei topi negli stati sud-orientali

PUBBLICITA

Da settimane l’Australia è alle prese con un’invasione di topi senza precedenti nella sua storia, con importanti ricadute economiche e gravissimi danni all’agricoltura, stimati in milioni di dollari australiani.  Centinaia di migliaia di roditori hanno invaso fattorie, scuole, ospedali e case degli stati orientali del New South Wales e del Queensland, minacciando sempre più da vicino la città costiera di Sidney. L’invasione sta colpendo duramente un Paese già messo a dura prova negli anni passati da forti siccità e da incendi devastanti e negli scorsi mesi da poderose alluvioni nonché dalla situazione sanitaria derivata dalla pandemia di Covid-19.

http://gty.im/509396586

Le origini dell’invasione

Il clima mite e le abbondanti piogge dei mesi passati sono da annoverarsi tra i principali fattori che hanno permesso ai topi di riprodursi per tutta l’estate. A questo vanno aggiunti i metodi agricoli ecosostenibili tra cui la riduzione al minimo dell’aratura che ha generato grandissime disponibilità di cibo e di ripari per i roditori. Per loro caratteristica, i topi possono sopravvivere alla siccità per poi riprodursi rapidamente non appena cibo e acqua tornino disponibili. Cosa che è appunto accaduta. Inoltre il loro ciclo riproduttivo è molto precoce: iniziano ad accoppiarsi a sei settimane e le femmine danno alla luce da 6-10 cuccioli ogni 19-21 giorni, dopodiché possono subito rimanere di nuovo incinte. Il numero dei topi è quindi letteralmente esploso con l’arrivo dell’estate australe, a dicembre, dopo l’ottimo raccolto dell’ultima stagione.

http://gty.im/563958789

Il dibattito sull’uso del bromadiolone

Mentre la situazione non accenna a placarsi, moltissimi agricoltori hanno già fatto sapere di non volere seminare le colture invernali per la paura che possano essere mangiate dai roditori. Inoltre il rischio che la situazione peggiori è dietro l’angolo e questo per due motivazioni. In primo luogo, secondo le tendenze attuali, il numero dei roditori non accenna a diminuire, contrariamente a a quanto avviene nei mesi che precedono l’arrivo dell’inverno. In secondo luogo, oltre agli ingenti danni ai macchinari, agli oggetti, alle abitazioni e alla salute delle persone, l’invasione di roditori potrebbe scatenarne un’altra: quella dei serpenti. Il serpente marrone dell’Australia orientale, uno dei serpenti più velenosi dell’isola, è infatti un predatore naturale dei topi e l’abbondanza di questi ultimi ha interrotto il suo letargo invernale spingendolo ad avvicinarsi sempre di più ai centri abitati e, quindi, a contatto con l’uomo.

Vista la situazione, le autorità stanno discutendo la possibilità di impiegare il bromadiolone, un agente chimico estremamente tossico capace di sterminare i roditori. Tuttavia l’Autorità australiana sui pesticidi e i farmaci veterinari non ne ha approvato l’uso poiché il potente pesticida rischia di uccidere anche altri animali selvatici oltre ai roditori. Oltre ai danni materiali poi, sempre più studiosi stanno inoltre ponendo l’accento sull’impatto emotivo, sociale e psicologico di tale invasione, che per ora non sembra affatto placarsi.

 

PUBBLICITA
PUBBLICITA

Leggi anche

Tennis – Ecco quando Jannik Sinner può diventare numero 2 al mondo

Jannik Sinner potrebbe superare Carlos Alcaraz in classifica e diventare il nuovo numero due del mondo già al Masters 1000 di Indian Wells

Clamoroso Napoli, De Laurentiis non aspetta più, Mazzarri sulla via dell’esonero, pronto Calzona

De Laurentiis ha deciso, via Mazzarri, dentro Calzona Sono ore frenetiche nel club azzurro: Aurelio De Laurentiis stamattina dovrebbe incontrare Francesco Calzona per cercare di...

Napoli-Barcellona, foto e commento alla prima di Calzona

Napoli-Barcellona, la prima partita di Francesco Calzona come allenatore del Napoli contro il Barcellona si è conclusa con un pareggio 1-1, un risultato che lascia aperte le speranze per il ritorno

Confisca Sonrisa, proteste a Sant’Antonio Abate

Circa 500 persone hanno sfilato per protestare contro la confisca del locale Le proteste suscitate dalla confisca della "Sonrisa", celebre location del "Castello delle Cerimonie",...

Ultime Notizie

PUBBLICITA