Categorie
Attualità Politica

Elezioni politiche 2022: il centrodestra vince le elezioni. Cosa ne pensa l’Europa?

FacebookTwitterWhatsAppLinkedInMessengerTelegramShare

Bassa affluenza alle urne per le elezioni politiche del 25 settembre 2022 che si ferma al 63,9%, dato più basso di sempre, poco più di 6 italiani su 10 hanno votato. Un voto che ha determinato un abbondante maggioranza per il centrodestra, con Fratelli D’Italia.

Elezioni posto 2022 – Centrodestra al governo

Il centrodestra ha vinto le elezioni, FdI è infatti il primo partito italiano con quasi il 26,3% di consensi, seguito dal Pd con il 19,3% e dal Movimento Cinque stelle che rimane il terzo partito italiano con il 15,2%. Crolla invece la Lega all’8,9% poco più in alto di Forza Italia che raggiunge l’8,2%. Il Terzo Popolo si attesta invece al 7,8%.

La coalizione di centrodestra raccoglie quindi nel complesso il 44,4% delle preferenze mentre quella di centrosinistra il 26,3%. Il Partito Democratico diviene quindi la prima forza di opposizione in Parlamento e seconda forza politica.

Quali sono le reazioni dell’Europa?

I primi leader a congratularsi sono Viktr Orban e Mateusz Morawiecki i quali, nei loro canali twitter, si congratulano per i risultati delle recentissime elezioni. In particolare Balazs Orban, deputato ungherese e direttore politico dell’ufficio del premier Viktor Orban scrive sui social:

“Congratulazioni a Giorgia Meloni, Matteo Salvini e Silvio Berlusconi per le elezioni di oggi! In questi tempi difficili, abbiamo più che mai bisogno di amici che condividano una visione e un approccio comune alle sfide dell’Europa. Viva l’amicizia italo-ungherese!”

Allo stesso tempo anche il premier polacco Mateusz Morawiecki, esponente del Partito diritto e giustizia, che fa parte dei Conservatori europei, esprime via social le sue congratulazioni:

Tutte le mie congratulazioni a Giorgia Meloni e al popolo italiano. Un popolo orgoglioso e libero che rifiuta di morire”.

Anche Eric Zemmour, il leader del partito di ultra destra francese Reconquete commenta l’esito delle elezioni in Italia affermando che questa vittoria rappresenta la dimostrazione che arrivare al potere è possibile”. Zemmour ha infatti affermato che nonostante il loro fallimento nel 2018, Meloni e il suo giovane partito non hanno mai mollato e se 4 anni fa Fdl raccoglieva il 4% dei voti, ora il suo partito è diventato il primo del paese alla guida di una coalizione di destra.

Arrivano anche le congratulazione da parte di Santiago Abascal, leader del partito spagnolo Vox, che rivendica la sconfitta dell’Unione Europea, scrivendo che:

Stasera milioni di europei hanno riposto le loro speranze nell’Italia. Giorgia Meloni ha indicato la strada per un’Europa orgogliosa, libera, di nazioni sovrane, capace di cooperare per la sicurezza e la prosperità di tutti”.

Opposta invece la reazione dell’europarlamentare dell’estrema sinistra francese di La France Insoumise, Manon Aubry che afferma invece, in un tweet, la necessità di frenare l’ascesa dell’estrama destra in Europa:

“Pensieri e solidarietà a tutti gli italiani che saranno toccati direttamente da questa politica. Dalla Francia resisteremo. Contro il Rn e l’estrema destra!”.

Sulla stessa linea il gruppo dei Verdi, il tedesco Die Welt Thomas Waitz, co-leader dei Verdi europei ha infatti mostrato le sue proccupazioni affermando che:

“Le fondamenta e i valori comuni dell’Ue sarebbero in pericolo se l’Italia, in quanto terza economia dell’Ue, fosse governata da una coalizione da partiti di estrema destra”.

L’esito del voto italiano ora potrebbe cambiare anche gli equilibri europei. Si attende una reazione da Bruxelles che resta ancora in silenzio. Tuttavia si preannunciano già due grandi sfide che Fdl dovrà affrontare: quella della relazione con l’Unione europea e quella dei rapporti con i partner di coalizione.

Di Francesca Sicignano

Laureata in Marketing e Management Internazionale, mi occupo di fornire le più recenti informazioni in merito alle agevolazioni che lo Stato riserva ai cittadini e alle imprese.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *