Registrati
Ti sarà inviata una password tramite email.

Facebook è il più grande cimitero del mondo

Non una frase fatta, ma una questione reale se si considera che Facebook è il social network più utilizzato al mondo e che per gli iscritti ai social network la vita continua online anche dopo la morte.

Agli amici, ad esempio, continua ad arrivare la notifica del giorno del compleanno del defunto.

Per ovviare a cose del genere, da diverso tempo Facebook pensava di “commemorare” i defunti proponendo una speciale sezione nel profilo dell’utente morto.

Account commemorativo

La notizia è ufficiale. Facebook userà l’intelligenza artificiale per individuare i profili delle persone che sono decedute.

Fino ad ora Facebook ha permesso la nomina di un contatto erede per la gestione  dell’account commemorativo o la rimozione del proprio account in modo permanente.

Se non si sceglie nessuna delle due strade Facebook renderà commemorativo il proprio account non appena si saprà del decesso.

Gli account commemorativi permettono ad amici e famiglia di raccogliere e condividere ricordi di una persona deceduta e presentano particolari funzioni:

  • L’espressione In memoria di sarà visualizzata accanto al nome della persona sul suo profilo.
  • A seconda delle impostazioni sulla privacy dell’account, gli amici possono condividere ricordi sul diario commemorativo.
  • I contenuti condivisi dalla persona (ad es. foto e post) continuano a essere su Facebook e sono visibili al pubblico con cui sono stati condivisi.
  • I profili commemorativi non vengono visualizzati in spazi pubblici come i suggerimenti delle Persone che potresti conoscere, le inserzioni o i promemoria dei compleanni.
  • Nessuno può accedere a un account commemorativo.

La pagina commemorativa e la pagina dell’account originale rimangono comunque separate. Facebook permetterà agli utenti amici o parenti di omaggiare il loro amico o parente defunto sulla pagina specifica commemorativa oppure di continuare a intervenire nei post pubblicati in passato dalla persona morta.

 

 

 

 

 

Print Friendly, PDF & Email

Scrivi