Disagi senza fine alle isole Hawaii, flagellate dall’inizio del mese di maggio dall’eruzione del vulcano Kilauea e da numerosissimi terremoti.

Una nube tossica si è sprigionata dal mare

Adesso gli abitanti e i turisti della Big Island devono affrontare un altro pericolo: quello di una nube tossica, provocata dalla lava del vulcano che si riversa nell’oceano.

Embed from Getty Images

La nube tossica è frutto di una reazione chimica

La nube tossica è il frutto di una reazione chimica al contatto della lava con l’acqua salata, che sprigiona nell’aria acido cloridrico e minuscole particelle di vetro.

Le autorità sembrano impotenti di fronte alla nuova minaccia e si limitano solo a consigliare alla popolazione di tenersene lontana.

Embed from Getty Images

L’eruzione non sembra diminuire o arrestarsi

Intanto, i fiumi di lava non sembrano minimamente diminuire o arrestarsi; sono tante le bocche e le fessure del vulcano che si sono formate in queste settimane e, secondo gli esperti, le emissioni di gas a base di diossido di zolfo nella zona sono triplicate.

Embed from Getty Images

Da registrare anche un ferito grave

Deve registrarsi anche un ferito grave: si tratta di un uomo colpito a uno stinco da uno schizzo di lava che, in pochi secondi, gli ha portato via parte della gamba.

 

Fonte: Ansa.it

Print Friendly, PDF & Email