Registrati
Ti sarà inviata una password tramite email.

Trattative, dissapori, scissioni, ma una soluzione tarda ad arrivare

Anche il Governo si divide sul destino dei 49 migranti che da due settimane sono in balie delle onde a bordo delle navi Sea Watch e Sea Eye.

Il Presidente del Consiglio Giuseppe Conte e il vicepremier Luigi Di Maio dichiarano là disponibilità dell’Italia ad accogliere donne e bambini.

Di contro il vicepremier Matteo Salvini dichiara di non aver cambiato idea – i porti dell’Italia restano chiusi.

Cresce il timore di non farcela

Intanto ieri mattina, uno dei migranti si è gettato a mare nel disperato tentativo di raggiungere Malta a nuoto.

L’isola non dista molto dalla nave, ma le acque sono gelide e se non lo avessero recuperato in tempo, l’uomo probabilmente sarebbe morto assiderato.

A bordo delle navi ci sono anche tre minori: una bambina di 6 anni, un bambino di 7 ed un neonato.

Che dire? Nel rispetto delle leggi, si auspica l’apertura di un tavolo di confronto affinché si possa trovare presto una soluzione a questa disumana situazione.

 

Print Friendly, PDF & Email

Scrivi