Accedi
Registrati
Ti sarà inviata una password tramite email.
Home

E’ stata celebrata ieri mattina, presso il Duomo di Napoli, la Messa di Beatificazione di Suor Maria Gargani, figlia spirituale di Padre Pio e fondatrice dell’ordine delle Suore Apostole del Sacro Cuore (SASC).

Alla celebrazione Eucaristica erano presenti tre cardinali: il Cardinale Angelo Amato, Prefetto della Congregazione delle Cause dei Santi che ha presieduto l’Eucarestia, il Cardinale Cresenzio Sepe, Arcivescovo di Napoli e il Cardinale Philippe Nakellentuba Ouédraogo, Arcivescovo Metropolita di Ouagadougou (Burkina Faso).

 

 

         

Il Cardinale Angelo Amato, quale rappresentante del Santo Padre, ha letto la lettera apostolica di beatificazione in latino firmata da Papa Francesco.

Un grande applauso ha accolto l’immagine di Maria Crocifissa del Divino Amore, al secolo Maria Gargani, collocata sull’altare maggiore ed apparsa solo dopo la lettura della lettera di Papa Francesco.

Maria Gargani

 

La processione offertoriale è stata accompagnata da un canto tipico del Burkina Faso, stato in cui la congregazione della Suore Apostole del Sacro Cuore è presente in tre diverse sedi.

Maria Gargani

Al termine della celebrazione, il Cardinale Crescenzio Sepe ha rivolto parole di ringraziamento al Santo Padre Francesco e al Cardinale Angelo Amato.

Il Cardinale Crescenzio Sepe, di cui ieri mattina ricorreva il suo 75esimo compleanno, ha voluto esprimere la gioia della Chiesa per  la beatificazione  di Maria Crocifissa del Divino Amore,  quale religiosa dotata di straordinarie virtù, ma ho voluto anche evidenziare la bellezza della città di Napoli. 

E’ facile menzionare Napoli solo per i crimini e le cose negative, ma Napoli – ha ricordato il Cardinale Sepe – è anche una città santa e a tal uopo ha accennato alla canonizzazione del Beato Vincenzo Romano, sacerdote di Torre del Greco, che avverrà il prossimo 14 Ottobre, a Roma, in Piazza San Pietro.

Come sempre, il Cardinale Sepe, ha concluso il suo discorso di ringraziamento affidando l’intera comunità presente alla Vergine Maria, con la sua rituale esclamazione:”A Maronna v’accumpagna!”

Print Friendly, PDF & Email

Scrivi