Accedi
Registrati
Ti sarà inviata una password tramite email.
Home

Campagna di sensibilizzazione dedicata alla lotta al cancro del polmone dal 18 al 30 novembre 2019

Il mese di Novembre si illumina di bianco. L’iniziativa di sensibilizzazione “ILLUMINA NOVEMBRE” torna per far luce su una malattia che colpisce tante persone nel nostro Paese.

Illuminare il tumore al polmone, informare l’opinione pubblica, diffondere le buone notizie sulle nuove terapie, mostrare vicinanza nei confronti delle persone malate.

Con questi obiettivi ALCASE promuove l’iniziativa “ILLUMINA NOVEMBRE”.

Durante il mese di novembre il bianco, colore che simboleggia la malattia, illuminerà spazi pubblici, finestre, balconi e giardini.

Può partecipare chi munali, singoli cittadini, sono invitati a mostrare sensibilità ed empatia verso le 40.000 che ogni anno si ammalano.

L’obiettivo e vestire di bianco il nostro Paese.

La città di Siracusa aderisce alla campagna di sensibilizzazione dedicata alla lotta al cancro del Polmone.

Infatti dal 18 al 30 novembre la Fontana Diana, presso Piazza Archimede sarà illuminata di bianco.

Il Tumore al polmone oggi

  • Rappresenta ancora la prima causa di morte per tumore tra gli uomini e tra le donne, ma grazie ai nuovi farmaci ad azione mirata e all’immunoterapia(la classe di farmaci per cui lo scorso anno è stato assegnato il nobel per la medicina), si sono aperti nuovi promettenti scenari di cura e di stabilizzazione. Spesso anche i malati non più operabili, godono di una buona e prolungata qualità di vita.
  • Pur essendo una delle forme tumorali più diffuse, il numero dei nuovi casi tra gli uomini è in diminuzione.
  • Il fumo rappresenta uno dei principali fattori di rischio, ma non è l’unico. Sono coinvolti anche: predisposizione genetica, esposizione agli aereo contaminati (professionali o da inquinamento dell’aria ambiente), radon, asbesto…
  • Il malato spesso soffre per il “marchio” negativo di “fumatore” con il quale viene etichettato e che  lo rende ancora più vulnerabile. E’ importante non lasciarlo solo a combattere la malattia.

 

 

Print Friendly, PDF & Email

Scrivi