" "
Registrati
Ti sarà inviata una password tramite email.

A tu per tu con Seby De Simone. A trecentosessanta gradi, tra passato, presente e futuro. Il tecnico e presidente dello Sporting San Paolo si racconta ai nostri microfoni, intervistato da Kevin Giliberto. 

QUADRO DI PRESENTAZIONE
Nome: Seby
Cognome: De Simone
Data di nascita: 10/09/1978
Città: Siracusa
Professione: Libero professionista
Qualifica: Allenatore
Società di appartenenza: A.S.D. Sporting San Paolo 2019
Curriculum da allenatore: Solarinese Calcio, Solarino; Real San Paolo; Hellenika Siracusa; Sporting San Paolo; Floridia; San Paolo 2017; Eurosport Avola; Sporting San Paolo 2019

-Mister, iniziamo con una domanda personale. Chi è Seby De Simone fuori dal campo?                                                                                        La stessa persona che si vede in campo, determinata, attenta e sempre con tanta voglia di imparare, perché nella vita come nello sport non bisogna avere mai credere di essere arrivati.  Ci si deve mettere in gioco, sempre, con molta umiltà.

-Quattro aggettivi, i tuoi pregi ed i tuoi difetti?                                                                                                                                                                   Due dei valori importanti che fanno parte dei miei pregi sono la sincerità’ e l’umiltà. Il mio difetto, se cosi si può definire, è legato alla mia schiettezza nel dire subito in faccia le cose come stanno, senza giri di parole. Purtroppo oggi per molte persone questo è visto come un aspetto negativo.

Mister, che rapporto avevi con la scuola? Qual era la tua materia preferita e quale odiavi di più? Facciamo un test. Senza smanettare su google scrivimi le capitali dei seguenti paesi: Cina, Giappone, Portogallo, Olanda e Belgio. Dimmi poi chi ha dipinto la “Gioconda”.    Il rapporto con la scuola è sempre stato instabile ma sono riuscito a prendere il diploma  pur avendo in testa un solo pensiero: giocare a calcio 24 ore al giorno. La mie materie preferite erano l’italiano, la storia e la geografia ed ovviamente educazione fisica. Non ho mai legato con la matematica.  Le capitali? Cina (Pechino); Giappone (Tokyo); Portogallo (Lisbona); Olanda (Amsterdam); Belgio (Bruxelles). La “Gioconda” indubbiamente fu dipinta da Leonardo Da Vinci.

-Risposte corrette mister. Quando ti sei avvicinato al calcio?                                                                                                                                    Sono nato con un pallone tra i piedi, non ricordo un attimo della mia vita in cui non l’ho avuto con me, fisicamente e non.  Ho fatto tutte le trafile della scuola calcio con l’Arca Enel, il settore giovanile con Rari Nantes, Dopolavoro Ferroviario e Marcozzi, fino al secondo anno Allievi perché già a 16 anni ero inserito in prima squadra con l’Ortigia di Roberto Culotti.

Che sensazioni hai provato al tuo esordio?                                                                                                                                                                  Avevo 16 anni, ricordo ancora oggi quel giorno, quelle emozioni che solo chi ama veramente il calcio può provare.

-Cosa consigli ad un giovane di oggi proiettato nel mondo dei “grandi”?                                                                                                            Faccio subito una domanda secca e precisa: vuoi veramente giocare a calcio o passare del tempo con gli amici? Se la risposta è la prima allora il consiglio che posso dare è quello di vivere per il calcio, sognarlo anche la notte, amarlo, devi sempre allenarti al massimo per crescere e devi essere consapevole che ciò ti porterà via parecchio tempo che potevi dedicare agli amici o alla fidanzata. Nulla si ottiene senza sacrificio.

Nella tua vita da calciatore, qual è stato il goal più importante della tua carriera, quali i tuoi successi e quali i tuoi rimpianti? Alcune fonti ci dicono che su di te era forte l’interessamento della Lazio.                                                                                                                        Nonostante i miei ruoli siano stati tanti (centrocampista, terzino e difensore centrale) i goal importanti sono stati parecchi, amavo calciare le punizioni. Quasi alla fine della mia carriera, già ricoprivo il ruolo di allenatore/giocatore nel Real San Paolo e in una gara contro il Marina di Ragusa realizzai una doppietta (su piazzati) che valse la qualificazione alla fase finale dei play-off che poi alla fine vincemmo. Hai detto bene, fui vicino alla Lazio ma non solo. Ero in pieno settore giovanile e ci fu un importante torneo dove disputai delle belle gare. Un osservatore dei bianco-celesti contattò i miei genitori per uno stage di un mese a Roma. Purtroppo poco prima di partire in una gara di campionato ebbi un brutto infortunio alla caviglia che mi tenne fuori per quasi otto mesi.

Se avessi la possibilità di rivivere un momento quali riviveresti? E se potessi cambiare qualcosa?                                                    Sicuramente ciò che non ho potuto fare, chissà come sarebbe andata a Roma! Mi rammarico ogni volta che ci penso. Ma del resto non cambierei nulla,  ogni esperienza fa parte del mio bagaglio di vita personale e sportiva.

L’ultima gara prima del ritiro, cosa hai provato?                                                                                                                                                          Per me è stato un po’ più semplice perché gli ultimi 5 anni ricoprivo il doppio ruolo di allenatore/giocatore, quindi questo mi ha aiutato a smettere più tranquillamente.

-Cosa ti ha spinto ad intraprendere la carriera da allenatore?                                                                                                                            L‘amore e la passione per questo sport, il continuare a vivere l’adrenalina  delle gare, degli allenamenti , che solo il calcio riesce a darmi.

Che visione hai del calcio?                                                                                                                                                                                                        Il calcio di oggi è molto diverso da quello praticato dalla mia generazione, prima c’era molto più rispetto verso tutto, si giocava per passione e non si dormiva la notte per arrivare al giorno della gara. Oggi solo il 30% è rimasto come all’ora, il restante 70% è solo fumo e chiacchiere. Vedo poca voglia di fare realmente sacrifici per questo sport.

-Dove hai mosso i primi passi?                                                                                                                                                                                               La prima esperienza fu a Solarino con la Solarinese del presidente Faro, che ancora ora ringrazio. Tutto partì da li. Era la stagione 2005-2006 , in Seconda Categoria e ci qualificammo ai play-off.

Cosa ricordi con piacere?                                                                                                                                                                                              Ricordo la vittoria del mio primo campionato, al secondo anno di attività. Una gioia immensa, allenavo il Real San Paolo e vincemmo sul neutro di Belvedere contro il Megara Augusta del presidente Scuderi.

-Qual è stato l’anno in cui sei rimasto più deluso?                                                                                                                                                             La stagione in cui accettai la proposta di allenare il Floridia, in Prima Categoria. Furono cinque mesi di intenso lavoro, la squadra giocava bene ma non riuscivamo a raccogliere ciò che meritavano. Decisi allora di dare le dimissioni per il bene dei ragazzi, lasciando comunque  la squadra in una posizione di classifica tranquilla.

La stagione precedente hai portato gli Allievi al triangolare finale. Cosa è mancato per vincere il titolo?                                                            Un ricordo bellissimo, presi una squadra in mano che l’anno prima era arrivata penultima e grazie ad un lavoro certosino riuscimmo nell’impresa di arrivare secondi. La Rari Nantes passò direttamente al triangolare finale, noi battemmo l’Erg nella finale play-off, disputata nonostante gli oltre venti punti di distacco.  Nel triangolare fummo sfortunati e condannati dagli episodi ma nulla potrà cancellare quanto fatto. Avevamo un seguito incredibile.

Facciamo un salto nel passato e ci avviciniamo al presente. L’esperienza al San Paolo 2017 e il percorso che ti ha portato alla creazione dello Sporting San Paolo 2019, una lieta realtà oggi, sei d’accordo?                                                                                                                  L’adesione al progetto del San Paolo 2017  fu dettata dalla voglia di rimettermi in gioco dopo una pausa di due anni. Non volevo ricoprire il ruolo di allenatore ed infatti accettai quello di Direttore Sportivo con la vittoria del campionato che arrivò subito, con un team che avevo costruito con zero euro di budget. Lo Sporting San Paolo 2019 attualmente è l’unica realtà sportiva in un paese come Solarino che calcisticamente merita tanto. Siamo riusciti a creare un gioiellino, presente in tutte le categorie ai campionati FIGC.

-Chi ti sta accompagnando in questo percorso?                                                                                                                                                                    I miei collaboratori, in primis persone valide e con tanta voglia di fare sport, partendo dal vice presidente Paolo Failla passando per  il responsabile del settore giovanile e stretto collaboratore Giliberto e arrivando al mio secondo allenatore Paolo Latina e all’instancabile Paolo Oliva.

-Direttore Sportivo, Presidente, allenatore. Hai lavorato in tanti ruoli. Dove secondo te riesci a dare il meglio di te?                                        Io credo e penso di essere nato per questo sport, qualsiasi sia il ruolo, lo ricopro con passione, voglia di fare e tanta umiltà.

-Ti ha emozionato di più vincere da calciatore o da allenatore?                                                                                                                                        Da calciatore ne ho vinti parecchi e in diverse categorie, ma da allenatore ha un sapore diverso: la squadra la crei tu, scegli tu i tuoi giocatori, li vivi una stagione intera a tu per tu!

C’è stato un momento in cui avresti voluto mollare?                                                                                                                                                        Ci sono dei momenti no nel calcio, momenti in cui vorresti mollare tutto ma poi rifletti e tutto passa.  Ad avere la meglio è stato sempre il mio legame con questo sport

La realtà che hai creato, il centro sportivo, l’affiliazione con il Genoa, che progetti hai per il futuro? Puntate molto al settore giovanile?  La realtà che ho creato è frutto di tanti sacrifici, è nato tutto dal nulla, ho deciso di mettermi in gioco per applicare le mie idee. Ad aprile sarà un anno esatto dall’apertura e sul fatto che sia stato stato un anno stupendo credo non ci siano dubbi. Tutte le categorie sono iscritte ai vari campionati e siamo fieri dell’affiliazione della scuola calcio al Genoa CFC. Il nostro segreto è il lavoro certosino svolto insieme ai miei collaboratori, vogliamo far crescere sempre più la scuola calcio ed il settore giovanile, perché è  quella la vera risorsa di una società. In primo piano mettiamo sempre la valorizzazione dei giovani.

-Allenare nelle giovanili o allenare i dilettanti. Pro e contro. Cos’è più complicato?                                                                                          Credo che non ci siano sostanziali differenze,un allenatore deve essere capace di dare il meglio di se con grandi e piccoli.  A me piace lavorare con tanti giovani nelle prime squadre.

-Le squadre di De Simone sono ostiche da affrontare soprattutto caratterialmente. Qual è il tuo segreto e come fai a trasmettere il tuo carattere ai giocatori?                                                                                                                                                                                                               Le formazioni che alleno rispecchiano me, il mio modo di vivere le gare, gli allenamenti, trasmetto ai miei ragazzi grinta, umiltà e passione. Una delle mie doti è quella di saper creare uno spogliatoio forte, unito e compatto, con tutti pronti a sacrificarsi per l’altro.

Veniamo a questa stagione. Sei soddisfatto? Avreste meritato la promozione diretta?                                                                                        Nel calcio, come nella vita, bisogna essere leali. Noi abbiamo pagato la pausa natalizia, la sconfitta interna contro il Mazzarelli è costata la vittoria del campionato, ma siamo arrivati secondi e siamo pronti a giocarcela con chiunque per il salto di categoria attraverso i play-off. I miei tesserati sono speciali, tutti bravi ragazzi e con molta voglia di lavorare, ed io di questo ne sono felice. Sappiamo da dove siamo partiti e ciò che vogliamo

Cosa ne pensi di Solarino?                                                                                                                                                                                                     Da 15 anni vivo a Solarino, sono arrivato qui da giovane e adesso mi sento parte integrante di questo stupendo paese. La gente apprezza da sempre ciò che faccio a livello sportivo e per me tale stima è veramente importante.

A tuo parere sarebbe giusto tornare in campo?                                                                                                                                                          Credo che lo sport in generale debba stare fermo ed attendere. Purtroppo stiamo vivendo un brutto periodo, l’obiettivo principale è la salute dei nostri cari. Spero di poter tornare in campo e riprendere gli allenamenti. Ce la faremo.

-Cosa mi dici del futuro mister?                                                                                                                                                                                                Il futuro spero sia sempre migliore, io continuerò a lavorare per rendere tutto ciò possibile. Al più presto programmeremo la prossima stagione. La nostra è una società sana e con ambizioni importanti.

Tanti allenatori emergenti. Cosa consiglia a questi giovani?                                                                                                                                  Spero crescano in numero sempre di più perché questo sport ha bisogno della loro gioventù, della loro voglia di lavorare ed apprendere. La cosa importante è che siano sempre umili e consapevoli del percorso che stanno intraprendendo.

-Quale tecnico ha segnato di più il tuo essere allenatore?                                                                                                                                             Non ho un tecnico in particolare, da tutti quelli che ho avuto nella mia carriera ho sempre cercato di apprendere i segreti ed i metodi, ognuno di loro è stato importante per me.

Chiudo con una domanda personale. Il valore della famiglia nella vita di ogni allenatore. La tua quanto per te è stata importante?          Fondamentale sempre. Mia moglie ha sempre accettato la mia passione per il calcio, come ben sai questo sport ti porta via tanto tempo e se hai una famiglia sana e piena di valori tutto viene più facile.

Dove ti piacerebbe allenare in futuro? E chi secondo te negli ultimi anni  sta dimostrando con i risultati di saper fare calcio?                       Arrivare il più in alto possibile con la mia società. Il futuro è un rebus, mi piacerebbe allenare in una piazza importante, calda, in cui il calcio è vissuto quotidianamente. Il presidente che negli ultimi anni sta facendo bene è Percassi. L’Atalanta sta dimostrando come nel calcio, con preparazione ed organizzazione si possano raggiungere eccellenti risultati.

Dove ti vedi tra dieci anni?                                                                                                                                                                                    Sicuramente sempre nel mondo del calcio, spero con la mia società e in qualche categoria superiore.

Grazie per l’intervista mister. Vuoi aggiungere qualcosa o mandare un messaggio?                                                                                      Grazie a te. Volevo ricordare il valore del sacrificio. Chiunque si affacci a questo sport deve essere consapevole che senza sacrifici e tanta passione non si otterrà nulla.

Kevin Giliberto

Print Friendly, PDF & Email

Lascia una recensione

avatar
  Subscribe  
Notificami
" "