" "
Registrati
Ti sarà inviata una password tramite email.

Ed arrivò il lunedì sera per la festa con la capolista Napoli.

Lunedì sera?

Si, che bello, giocare con i primi della classe di lunedì!

Ma che calcio è?

Il calcio moderno, con il Monday night, come dicono gli Amerigani, si, avete letto bene, gli Amerigani!

La gara sarà anche più tranquilla per i partenopei grazie al rinvio di Juventus-Atalanta causa neve.

Da un altro punto di vista ci sarà un’imbarazzante assenza, ossia quella dei numerosi e focosi tifosi partenopei a cui non è stato permesso presenziare alla Sardegna Arena a causa delle disposizioni delle autorità che vedono nell’antagonismo tra le due tifoserie una ragione per evitare che entrino in contatto.

E via il gioco al massacro per la decisione, opinabile o meno, della prefettura di Cagliari. Ci si mette anche il Sindaco di Napoli De Magistris con un post su facebook, W I SOCIAL:

Da napoletano, da tifoso e da Sindaco di Napoli trovo davvero inaccettabile, discriminatorio ed ingiustificato il divieto per i nostri tifosi di assistere allo stadio alla partita Cagliari-Napoli. Le discriminazioni non cessano, anzi. Si garantisca, quindi, ai tifosi napoletani di partecipare alle trasferte”.

Un’altra ragione per cui si è avuta questa decisone è stata la contemporanea presenza del Presidente della Repubblica nelle prime ore della mattinata a Cagliari per prendere parte alla seduta solenne del Consiglio regionale per i 70 anni dello Statuto e per l’intitolazione a Emilio Lussu di una sala di Villa Devoto. Mattarella arriverà all’aeroporto di Elmas alle 10.30, la partita sarà alle 20.45, ma quando si sovrappongono più eventi di questa portata organizzare le rispettive operazioni con le forze dell’ordine risicate diventa impossibile.

Certo, ai tifosi napoletani del Presidente Mattarella sicuramente importerà fino ad un certo punto, ma tan’tè che non c’è niente da fare.

Ma quali sono le ragioni della rivalità tra le due tifoserie?

Tutto iniziò alla fine del Campionato 1996-1997 quando allo Stadio San Paolo si giocò lo spareggio tra Cagliari e Piacenza per la permanenza in Serie A dove i tifosi del Napoli oltre a tifare contro i sardi (forse perchè Bortolo Mutti, allenatore dei piacentini, sarebbe passato sulla panchina degli azzurri) fecero un vero e proprio attentato contro il bus dei tifosi del Cagliari subito dopo essere uscito dal porto.

La retrocessione e l’astio del tifosi napoletani vengono sempre ricordati con negatività dai cagliaritani e si sa, chi ama non dimentica!

La gara della Sardegna Arena vedrà di fronte i primi della classe contro la compagine di casa che sulla carta non ha speranze; i tifosi del Cagliari sono consapevoli del gap tecnico tra le due squadre e si aspettano, almeno, una prova di coraggio, basta mettere il cuore su ogni pallone e se si perde, pazienza, ma non si vuole vedere arrendevolezza.

Chiaramente il Napoli, uscito anche dall’Europa League, avendo fatto chiaramente la scelta di preferire il Campionato, arriverà col coltello tra i denti con con tutta l’intenzione di non dare scampo ai rossoblu di casa.

La palla è rotonda, ci aspettiamo una gara leale e bella , uno spot per la nostra Serie A da esportare all’estero.

Probabili formazioni

Cagliari (3-5-1-1): Cragno; Romagna, Ceppitelli, Castan; Faragó, Barella, Ionita, Padoin, Lykogiannīs; Joao Pedro; Pavoletti. Allenatore: Lopez

 Napoli (4-3-3): Reina; Hysaj, Albiol, Koulibaly, Mario Rui; Allan, Jorginho, Hamsik; Callejon, Mertens, Insigne. Allenatore: Sarri
Print Friendly, PDF & Email

Lascia una recensione

avatar
  Subscribe  
Notificami
" "