" "
Registrati
Ti sarà inviata una password tramite email.

A Crotone è di scena la partita-salvezza dove i calabresi erano in difetto di due (2) punti sui sardi, dove un’eventuale vittoria avrebbe messo la classifica a loro favore, partita importante per entrambe le parti ma non decisiva.

Tensione alle stelle allo Scida.

foto ALBERTO MASU dallo SCIDA

I giocatori dovrebbero essere loro i PROTAGONISTI del Giuoco del Calcio , si spera sempre in bene per una rete o una prestazione da leggenda.

Ed invece ad entrare a gamba tesa da protagonista è ancora una volta colui che dovrebbe non vedersi in campo, la persona che un tempo era solo vestita con un colore e che veniva uniformemente definita GIACCHETTA NERA. Oggi, oramai, oltre ad avere il loro nome sul bavero della maglia come i calciatori, anche se molto piccolo, v’è anche lo sponsor. Che in malafede qualcuno aveva avvicinato al nome della Juventus, in maniera davvero disonesta. Cosa sono queste accuse alla Società Torinese, non si sono mai viste sviste a loro favore, per cortesia, siamo seri!

La gara, disputatasi alle 15, è stata caratterizzata da decisioni arbitrali davvero sconcertanti, sopratutto quelle a sfavore degli ospiti; in assoluto l’espulsione di Pisacane che è stato cacciato da Tagliavento di Terni con un rosso diretto per fallo su Ricci, fallo totalmente inesistente; la cosa più grave è avere visto la VAR, quindi forse è meglio che non ci vadano a vederla perchè se sono così arroganti che quasiasi cosa vadano a vedere non cambiano decisione, allora è più serio quello che ha fatto Calvarese in Cagliari-Juventus dove NON andò a vedere il VAR sul rigore clamoroso a favore dei rossoblu non concesso per fallo di Bernardeschi.

Questo fatto avveniva al 47esimo del primo tempo dopo avere concesso un rigore al 27esimo a favore dell Crotone, realizzato da Trotta; massima punizione concessa dal VAR per un presunto fallo di Faragò su Nalini. Sembra un incrocio di ginocchia, francamente davvero assurdo avere concesso il rigore dopo alcuni minuti di gioco passati, una cosa non evidente, come dice il regolamento che viene puntualmente manipolato a seconda delle situazioni. Mistero.

Ma l’espulsione di Pisacane ha dello scandalo; il Presidente Giulini stava per entrare in campo, non so se sia stato bloccato da qualcuno o cosa, per fortuna non lo ha fatto altrimenti altro che diecimila euro di multa!

Il pareggio del Cagliari arrivava con una punizione dal limite calciato perfettamemente da Cigarini che realizzava la sua prima rete in Campionato.

Finiva il primo tempo col risultata di 1-1.

Il secondo tempo vedeva gli ospiti in dieci (10) uomini, una guerra vinta grazie ancora al Signor Tagliavento che al 44esimo annullava la rete del 2-1 del Crotone, inizialmente convalidata.

Sembrava di essere a Roma quando realizzò una rete irregolare convalidata; in questo caso, invece, non essendoci una squadra TOP, l’arbitro, forse anche condizionato dall’espulsione dubbia, ha voluto lasciare le cose in parità, la classica definizione sarebbe COMPENSAZIONE.

Che è sbagliato, comunque, se la rete è regolare deve essee convalidata, non deve dipendere da chi subisce la rete e da chi la realizza convalidarla o meno!

Il punto è che Ceccherini, deviando la palla a favore del compagno Budimir è in offside assieme a Capuano (‘l’ex di turno). Avendo tentato di deviare la palla il Croato ha conteso il pallone con l’avversario, quindi fuori gioco. Rete giustamente annullata; ma vi rendete conta cosa significa per i giocatori in campo e i tifosi sugli spalti e davanti alla Tv questa attesa ?

Da infarto!

Oggi tre (3) gare con CASI VAR clamorosi: oltre Crotone-Cagliari, Napoli-Bologna e Milan-Lazio con rete della vittoria clamorosamente colpita da Cutrone col braccio, nessuno tra arbitri in campo e alla tv , vede nulla! Ma come si fa?!?

 

MARCATORI: Trotta (CR) su rigore al 29′, Cigarini (CA) al 52′ del p.t.

CROTONE (4-3-3): Cordaz; Sampirisi (Faraoni dal 1′ s.t.), Ceccherini, Capuano, Martella; Barberis (Budimir dal 26′ s.t.), Mandragora, Benali; Ricci, Trotta, Stoian (Nalini dal 12′ p.t.). (Festa, Rohden, Aristoteles, Izco, Suljic, Pavlovic, Simic, Crociata, Ajeti, Simy). All. Zenga.

CAGLIARI (3-5-2): Cragno (Rafael dal 44′ p.t.); Pisacane, Ceppitelli, Castan; Faragò, Dessena, Cigarini (Andreolli dal 30′ s.t.), Ionita, Padoin; Farias, Giannetti (Lykogiannis dal 18′ s.t.).(Crosta, Cossu, Romagna, Sau, Deiola, Gagliano). All. Lopez
ARBITRO: Tagliavento di Terni

Print Friendly, PDF & Email

Lascia una recensione

avatar
  Subscribe  
Notificami
" "