Registrati
Ti sarà inviata una password per E-mail

Gli Occhi che fecero Innamorare l’Italia del Pallone

Ci sono occhi che ti fanno innamorare e l’Italia del pallone si innamoro’ di Salvatore Schillaci, il furetto venuto da Palermo che incantava la Messina calcistica. Tanti goal in Sicilia, il passaggio alla Juventus ed il Mondiale di Italia 90, dove il Toto’ Nazionale, trascina gli azzurri al terzo posto Mundial con tanta sfortuna e delusione per i rigori persi contro l’Argentina. Nella stagione 1992-1993 passò per 8,5 miliardi di lire all’Inter. Schillaci ricordò con grande entusiasmo il suo trasferimento da Torino a Milano:

«Ho ottenuto il massimo, sognavo la maglia nerazzurra e avrei accettato di restare fermo se non fossi riuscito a raggiungerla. I soldi non sono tutto.Riparto da zero a 27 anni e cerco una rivincita».

Con l’Inter, con cui giocò due stagioni siglando in totale 11 goal in 30 partite, vinse un trofeo: la Coppa UEFA, superando in finale gli austriaci del Salisburgo. Riguardo quest’esperienza, il centravanti siciliano affermò che i suoi inizi a Milano furono buoni (e i rapporti con il presidente Ernesto Pellegrini ottimi) ma che la mancanza di continuità e i problemi fisici gli impedirono di «sfondare»

Toto’ con la maglia dell’Inter, riusci’ a regalare spettacolo insieme a Ruben Sosa, rapidita’ e tanti goal ed uno scudetto sfiorato. Poi il Giappone e la fine della sua carriera, ma a distanza di anni, tutti gli amanti del calcio pensano ancora agli occhi che fecero innamorare l’Italia del Pallone.

Questo articolo e’ offerto dalla Farmacia del Giglio di Crispano ( Na)- Piazza Trieste e Trento

Print Friendly, PDF & Email

Scrivi