" "
Registrati
Ti sarà inviata una password tramite email.

L’Inter accelera sul mercato in entrata col chiaro obiettivo di regalare a Conte quanti più giocatori possibile già per l’8 luglio, data dell’inizio del ritiro. I nerazzurri sono attivi su più fronti: negli ultimi giorni di giugno si penserà ad ultimare il discorso plusvalenze (già comunque a buon punto grazie alle cessioni di diversi giocatori della Primavera), mentre nei giorni successivi l’attenzione sarà rivolta alla chiusura delle trattative in entrata. Diverse sono le negoziazioni in corso, su tutte quelle relative a DzekoLazaroSensi Barella; vediamole nel dettaglio.

 

EDIN DZEKO

L’attaccante della Roma ha già manifestato la sua intenzione di non rinnovare il contratto che scade nel 2020 e ha da mesi l’accordo con l’Inter. Le due società si siederanno ad un tavolo alla ricerca di un’intesa entro il 30 giugno perché anche i capitolini devono realizzare plusvalenze in ottica FairPlay finanziario. La trattativa sembra destinata alla riuscita: il bosniaco dovrebbe passare ai nerazzurri per 10 milioni di euro più Vergani (attaccante della Primavera interista valutato anch’egli 10 milioni).

 

Embed from Getty Images

 

VALENTINO LAZARO

Lazaro è il giocatore che Conte ha scelto per occupare il ruolo di esterno destro di centrocampo nel suo 3-5-2. Classe 1996 che gioca nell’Herta Berlino e nella nazionale austriaca, può ricoprire tutti i ruoli della fascia destra. Nei giorni scorsi c’era una distanza di 5 milioni tra domanda ed offerta, ma oggi secondo Gianluca Di Marzio è stato trovato l’accordo. I tedeschi avrebbero accettato 22 milioni più bonus per lasciarlo partire.

 

Embed from Getty Images

 

STEFANO SENSI

Ci sono grosse possibilità che il centrocampista del Sassuolo vesta nerazzurro nella prossima stagione. Pare proprio che l’intesa tra i due club sia già stata raggiunta: Sensi dovrebbe passare all’Inter in prestito oneroso da 5 milioni con diritto di riscatto fissato a 20 milioni. Ai neroverdi andrà anche il difensore della Primavera Gravillon.

 

Embed from Getty Images

 

NICOLÒ BARELLA

Quella riguardante il centrocampista cagliaritano è forse la trattativa più complessa di questa prima fase di calciomercato. I sardi valutano Barella 50 milioni, mentre i nerazzurri offrono 35 milioni più due o tre contropartite. Il problema sono proprio queste ultime: le due squadre non riescono a trovare i giocatori da inserire nell’affare. Nelle ultime ore si dice che l’Inter abbia alzato l’offerta cash fino a 40 milioni senza contropartite, offerta che ha indispettito Giulini. Pare comunque difficile che la trattativa non vada in porto data la volontà del centrocampista che sta rifiutando tutte le offerte degli altri club a lui interessati.

 

Embed from Getty Images

ALTRE TRATTATIVE DELL’INTER

Il caso spinoso è quello relativo all’ex capitano Mauro Icardi; ancora non si conosce cosa possa essere successo a febbraio (qui una delle ipotesi). Il killer di Rosario vuole restare, ma Conte (messo al corrente della situazione) non è d’accordo. Ancora non si sa se l’allenatore lo convocherà per il ritiro, il centravanti certamente non partirà per la tournée, si allenerà sempre a parte e verrà considerata l’ultima punta nelle gerarchie. Infatti l’Inter, nonostante sia vicina a Dzeko, continua a cercare anche un altro attaccante. L’identikit corrisponde al nome di Romelu Lukaku del Manchester United, ma la trattativa è piuttosto complessa: i Red Devils chiedono 85 milioni, cifra considerata esagerata dai nerazzurri. Sul fronte cessioni, il Monaco è sulle tracce di Joao Mario e sembrerebbe disposto a sborsare tra i 32 ed i 35 milioni di euro. Infine, è stato messo sul mercato anche Radja Nainggolan, il belga verrà convocato per il ritiro ma pare che non rientri in nessun modo nei piani di Conte.

 

Embed from Getty Images

Print Friendly, PDF & Email

Lascia una recensione

avatar
  Subscribe  
Notificami