Kvara apre, Rrhamani la chiude – 2 a 0 alla Dea

PUBBLICITA

Già si parlava di crollo, già si parlava di crisi nera. Dimenticando che la Lazio comunque è terza in classifica. La Dea, che veniva da una vittoria in cinque partite (e nelle ultime due partite senza segnare, tre con questa di stasera) ha provato a congenere. Con Djimsiti che, per contenere Osimhen, alla fine del primo tempo deve alzare bandiera bianca, entrerà Demiral. Non è un caso che la Dea, nel primo tempo, abbia totalizzato zero tiri in porta.

IMG 20220821 WA0006

Un’ottima partita in vista del ritorno in Champions contro l’Eintracht Francoforte. E un’ottima prestazione per spegnere le sterili ed inutili polemiche. Tifosi che già parlavano di crisi, di crollo inevitabile, anche tifosi del Napoli. E invece il Napoli e Spalletti rispondono coi fatti, vincendo e convincendo, spazzando via le polemiche. E il numero 3 è sempre più vicino.

La sorpresa è in porta. Meret accusa un fastidio al polso e, all’ultimo minuto, viene sostituito dall’ex di turno Gollini (curiosità, Gollini è ancora dell’Atalanta). Ed esordire in serie A senza subire gol è un’ottima iniezione di fiducia. L’Atalanta nel primo tempo è, di fatto, assente. Mentre Musso lavora e mette in angolo due ottimi tiri di Politano.

WhatsApp Image 2023 01 21 at 20.42.48

Nel secondo tempo il Napoli tracima. E se Politano e due volte Osimhen arrivano vicini al vantaggio, alla fine Musso cede. L’attaccante nigeriano raccoglie una palla intercettata dal silenzioso ma sempre eccellente Lobotka, serve Kvaradona (mai soprannome fu più azzeccato stavolta). Il georgiano manda al bar quattro difensori della Dea e di destro fulmina l’estremo difensore bergamasco.

L’Atalanta arremba, cerca spazio e soluzione, ma senza successo. Infatti Kim e Rrhamani ergono un vero e proprio bastione. Ed è proprio quest’ultimo a trovare il secondo della partita e il suo secondo stagionale. Angolo battuto da Elmas, il numero 13 stacca su tutti e la mette nell’angolino. Musso tocca ma non riesce a deviarla. Due a zero e, di fatto, la Dea alza bandiera bianca.

Al’83 Ruggieri ha una buona occasione ma Gollini fa buona guardia e mura il tiro. E alal fine il Napoli chiude la partita con la sua ventiduesima vittoria su ventisei partite. Unici nei gli infortuni di Meret e Kim. Non si conosce l’entità degli infortuni, ma si spera ovviamente in un recupero rapido. Juan Jesus ed Ostigard hanno fatto sempre il loro dovere ma il mostro Kim si è dimostrato determinante.

Nel frattempo Spalletti si gode: primato in classifica, i diciotto punti sicuri (quindici potenziali) sulla seconda e il sogno sempre più vicino.

 

 

PUBBLICITA

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

LEGGI ANCHE

Napoli, cercano di prendere il controllo dei Quartieri Spagnoli con metodi mafiosi, interviene la polizia

A Napoli, precisamente nei Quartieri Spagnoli, sono stati arrestati 3 uomini. Tre giovani sono stati arrestati per aver controllato militarmente una strada dei Quartieri Spagnoli,...

Il Perseo di Benvenuto Cellini, il particolare nascosto

Come spesso accade, le opere d'arte celano segreti o messaggi da ricercarsi nell'ovvietà estetica. Ecco cosa cela il Perseo di Benvenuto Cellini

Tennis – Non si placano le polemiche sull’errore che ha penalizzato Sinner a Montecarlo

Stefanos Tsitsipas ha conquistato il torneo di Montecarlo, ma non si placano le polemiche intorno all'errore arbitrale che ha danneggiato Jannik Sinner nella semifinale persa contro il greco

Pompei, tornano Gli Incontri di Valore di Nicola Ruocco

Sesta edizione de Gli Incontri di Valore, la prestigiosa rassegna culturale ideata e condotta da Nicola Ruocco. Sedici gli ospiti di questa nuova edizione, oltre tantissime novità

ULTIME NOTIZIE

PUBBLICITA