Mattia Filippelli è il nuovo nome del presidente Fabrizio Ruggiero

Mattia Filippelli vola a Sorrento, l’intervista e la presentazione

Non si ferma la campagna acquisti del presidente Fabrizio Ruggiero, che si assicura uno dei talenti più promettenti di posto 3 in circolazione. Classe 2005, arriva direttamente da Volley Treviso, autentica fucina di talenti destinati a lasciare le proprie orme nelle compagini di categoria superiore che ambiscono a traguardi prestigiosi. Già Campione d’Italia U18 a Tbilisi in Georgia, Mattia Filippelli è pronto a spiccare il volo nel mondo dei professionisti, con grande sacrificio e abnegazione.

Partiamo da luglio 2022, dove hai conquistato da titolare l’Europeo U18 vincendo tutte la partite fino al 3-0 in finale sulla Francia. Che emozione è stata ed in che cosa un’esperienza simile ti ha migliorato sotto il profilo tecnico e umano?

“È stata una grandissima esperienza. Indossare la maglia azzurra e rappresentare il proprio paese facendo quello che ami, è sempre un’emozione indescrivibile. Abbiamo fatto un grande percorso: non eravamo tra le nazionali favorite, ma abbiamo fatto una grande competizione giocando di squadra. Tutto questo ha fatto la differenza, ed è stato fantastico portare a casa quel titolo”.

Com’è nata la trattativa con Sorrento e cosa ti ha convinto del progetto che ti è stato presentato?

“È iniziata a partire dalle Finali Nazionali. Mi è piaciuto subito il progetto, strutturato anche per la valorizzazione di noi giovani. Mi è stata data una grande opportunità, e sono davvero onorato di far parte di questa società”

 

Dopo Treviso, prima avventura in Serie A3 e a tanti km da casa. Quali sono le tue ambizioni e aspettative?

“È vero. Sarà un’esperienza importante in una realtà nuova, e sono sicuro che mi aiuterà molto non solo sotto il profilo professionale, ma soprattutto umano. Sono davvero entusiasta, non vedo l’ora di iniziare la nuova stagione, e ripagare sul campo la fiducia che mi è stata data”.

Descrivi un po’ le tue caratteristiche, che tipo di centrale sei?

“Mi ritengo un centrale abbastanza completo sotto tutti i fondamentali. Il mio punto di forza è il muro: non ho grandi centimetri, ma ho salto ed esplosività”.

Quanta voglia c’è di conoscere l’ambiente e un pubblico che sa essere il settimo uomo in campo?

“In tanti mi han parlato del PalAtigliana, e dell’ambiente caldissimo che sanno creare i tifosi. Non vedo l’ora di provare sulla mia pelle tutto il loro affetto in questa prima esperienza da professionista. Sarà bellissimo scoprire gli angoli più belli della città e conoscere i nostri supporters”

PUBBLICITA

LEGGI ANCHE

Pepe coniglio coraggioso, la nuova favola di Giovanni Taranto per la Fondazione Giancarlo Siani

"Pepe coniglio coraggioso" di Giovanni Taranto è l'ultima aggiunta al “Progetto Favolette” della Fondazione Giancarlo Siani, un'iniziativa per promuovere la lettura tra i più piccoli.

Juve Stabia si chiude il ritiro di Capracotta

Juve Stabia annuncia che si è chiuso in anticipo il ritiro di Capracotta S.S. Juve Stabia, si chiude la seconda parte di ritiro a Capracotta La...

Juve Stabia il diario della domenica di Capracotta

Juve Stabia è stata una domenica insolita o se preferite particolare quella che abbiamo vissuto a Capracotta. Doveva essere una giornata di ritiro ma...

Angri novità campagna abbonamenti

  Angri la campagna abbonamenti che si prepara a vivere la sua seconda fase. Il dettaglio nella nota ufficiale: “𝗜𝗡𝗦𝗜𝗘𝗠𝗘” - 𝗖𝗔𝗠𝗣𝗔𝗚𝗡𝗔 𝗔𝗕𝗕𝗢𝗡𝗔𝗠𝗘𝗡𝗧𝗜 𝟮𝟬𝟮𝟰-𝟮𝟬𝟮𝟱 Una campagna abbonamenti...

ULTIME NOTIZIE

PUBBLICITA