Registrati
Ti sarà inviata una password tramite email.

Napoli batte Lazio in Coppa, una partita ricca di colpi di scena, ecco il pensiero del Presidente dell’Associazione Culturale StabiAmore, Gianfranco Piccirillo, che commenta la partita con il suo editoriale:

Napoli-Lazio: Rispetto a quanto detto dopo la gara con la Fiorentina, in questo quarto di coppa contro la squadra italiana più in forma va aggiunto il dato del manto erboso del San Paolo, dei legni colpiti e delle decisioni del var, tutti elementi che hanno inciso non solo in questa gara. Grande protagonista è stato finalmente il capitano del Napoli che nel giorno delle critiche di De Laurentiis a Maradona ha segnato un gol alla sua maniera dopo nemmeno due minuti di gioco, mentre l’attuale re dei bomber di Torre Annunziata stasera non riesce a segnare nemmeno su rigore. Insieme a Insigne gran parte del merito del passaggio del turno è dei tifosi del Napoli, che stasera sono tornati a riempire le curve, mettendo da parte le polemiche che non sono solo quelle nei confronti dei calciatori.
Non bisogna criticare l’arbitro quando calciatori esperti come Hysaj e Leiva commettono sciocchezze da cartellino, che hanno danneggiato entrambe le squadre, come peraltro le decisioni del var. Gattuso e Inzaghi hanno fatto bene la loro parte anche se la mossa di cambiare il miglior Insigne della stagione per Ruiz è stata molto discutibile, così come quella di far giocare Di Lorenzo centrale fino all’entrata di Luperto per il debuttante Lobotka. Opportuno invece è stato il cambio di Callejon con Elmas e ha giocato tutta la gara e pure piuttosto bene Demme, autore dell’assist a Milik di uno dei 4 legni di una gara combattuta e piena di emozioni da una parte e dall’altra. Infatti non solo il Napoli con l’attaccante polacco e Rui, ma anche la Lazio con Immobile e Lazzari hanno colpito i pali e poi ci soni stati anche due gol annullati alla squadra di Inzaghi e un possibile rigore negato a quella di Gattuso.
E proprio il clamoroso errore di Immobile dal dischetto dopo cinque minuti dal gol di Insigne è stato il segnale che il vento stasera spirava finalmente a favore e il manto erboso del San Paolo non ha penalizzato stavolta i calciatori del Napoli, ma ha fatto scivolare gli avversari, impedendo persino che il bomber torrese segnasse, un fatto finora abituale della stagione di una fortissima Lazio.

Fine della conversazione in chat
Print Friendly, PDF & Email

Scrivi