Registrati
Ti sarà inviata una password tramite email.

Dopo aver chiuso le porte al PSG (e stando a quello che dicono Ancelotti e De Laurentiis, il club francese avrebbe contattato Allan senza passare per la società) il Napoli apre finalmente la sua finestra di mercato a due giorni dalla fine della sessione estiva.

Marko Rog, amatissimo dai tifosi, tanto che la pagina Facebook “SSC Napoli operazione Nostalgia” lo ha soprannominato D30S (Deos dal numero di maglia, il 30, pariodando il D10S di Maradona) andrà infatti in prestito secco per sei mesi, senza diritto di riscatto, al Siviglia. Gli andalusi potranno acquistare il giocatore croato per una cifra di circa trenta milioni. Quindi, salvo prestazioni assurde, Rog ritroverà i suoi compagni a Dimaro a Luglio.

Qualche voce anche per Amin Younes, complice i continui infortuni, ha giocato veramente e poco e l’ex Ajax avrebbe richieste sia dalla Germania che dall’Italia. Ma la vera notizia e che, dopo dodici anni, Marek Hamsik potrebbe lasciare il Napoli. Dalla Cina, già a Giugno, sono arrivate delle offerte importanti ma l’arrivo di Ancelotti ha bloccato tutto. Ma il Guangzhou non molla e ha lanciato la seguente offerta: trenta milioni più cinque di bonus e un triennale di dieci milioni l’anno al giocatore.

Offerta importante e Hamsik è veramente tentato ma De Laurentiis frena. I motivi principali sono: il non voler sconvolgere gli equilibri trovati e, data la partenza di Rog, evitare di indebolire la rosa. Il via libera allo slovacco verrebbe dato solo in un caso: se la trattativa con il Villareal per Fornals, che dovrebbe comunque arrivare a Giugno, sisbloccasse. Giuntoli sta infatti lavorando per scendere sotto i 30 milioni di euro, la cifra della clausola prevista per il giocatore che ha già accettato l’ingaggio propostogli.

Il problema vero è uno: il mercato in entrata in Italia chiude il 31 di gennaio ma quello cinese il 28 di Febbraio. Quindi un po’ di apprensione per i tifosi dl Napoli, che non vogliono veder partire un loro beniamino, durerà ancora per un bel po’.

 

Print Friendly, PDF & Email

Scrivi