Registrati
Ti sarà inviata una password tramite email.
0 0 Voto
Vota Articolo

A Cagliari per dimenticare M.

Regola numero 1.

A Cagliari da ieri sera è in atto l’opera di cancellazione del ricordo dalle memorie del popolo rossoblu del giocatore che, con le sue reti, ha permesso a Rastelli di mantenere il suo posto di allenatore in Serie A e col Cagliari per la 3° stagione consecutiva; cosa non scontata visto che il tecnico campano gode a metà della fiducia dei tifosi, mai così divisi su un allenatore che, nonostante tutto, ha ottenuto i risultati che gli erano stati richiesti dal Presidente Giulini: il 1° anno, dopo la caduta in Cadetteria, la Serie A diretta senza spareggi (vinse il Campionato, anche se all’ultima giornata grazie al gol di Marco Sau in rovesciata a Vercelli 2-1). La passata stagione, invece, appunto, tra alti e bassi e, sopratutto, grazie alle squadre materasso Pescara, Palermo, Empoli e Crotone (a Empoli si perse male 2-0 nel Girone di andata e anche lì Rastelli rischiò il posto e lo tenne non si sa per opera di quale santo!). Gli isolani si salvarono grazie ad una stagione straordinaria del suo bomber che solo in saltuarie occasioni non andò a rete, ma quando serviva il suo supporto M c’era. Una regola di vita è non sputare sul piatto dove si è mangiato, ma nel calcio è stata abrogata; è di difficile attuazione vista la facilità di disilludere un contratto che ha una valità relativa.

Che Massimo Rastelli sia ancora al suo posto non sarà contento colui che, in Diretta RAI tv, disse, avendo proprio il tecnico partenopeo collegato, che sarebbe stato praticamente sostituito da qualcun altro. Ricordate le parole di Super Mario Sconcerti ?

Davvero Sconcert-ante questo illustre collega, sebbene la sua frase sia stata arricchita da piccole paroline che ardivano ad indorare la pillola, dichiarazioni non supportabili da certezze e/o dichiarazioni ufficili, ma sappiamo com’è il Calcio Mercato che inizia esattamente 1 secondo dopo la fine dell’ultima Giornata di Ritorno e finisce alle 22.59 del 31 agosto!

E ce ne sarnno ancora delle belle!

M.B. va dimenticato.

Come può realizzarsi questa magia ?

Con L.P.

Con chi altri ?

Bomber cancella Bomber,

regola antica del Calcio Mercato, l’unico ruolo in una squadra di calcio che determina l’arrivo in aeroporto di tifosi in massa perchè lo sappiamo tutti che chi fa gol non è come chi non li fa entrare, l’aizzatore di folle è sempre lui, il centravanti, possibilmente di sfondamento!

Ossia il nuovo acquisto del Cagliari , Leonardo Pavoletti che, come un fulmine a ciel sereno, si è materializzato la sera del 29 Agosto 2017 all’aeroporto di Cagliari-Elmas accolto in un tripudio di colori rossoblu. Un acquisto, quello del Livornese di proprietà del Napoli, che si annunciava da settimane, subito dopo l’addio repentino di M.B. ma che sembrava non arrivasse per l’esoso costo del suo cartellino (10 milioni di euro più bonus, ormai caratteristici!) e per l’atteggiamento da parte di ADL che altro non voleva che ottenere la cessione a titolo definitivo.

Al giocatore, ormai ex Napoli, il duro ruolo di fare almeno 20 goal come il suo predecessore per potere completare la cancellazione dai cuori rossoblu.

Riuscirà il nostro eroe nel suo intento ?

Intanto sta per essere ufficiale la notizia (manca davvero pochissimo) che la Sardegna Arena, il nuovo stadio del Cagliari, sia ufficialamente tale. Sino a che la CPV (Commissione Provinciale di Vigilanza) non avrà emesso sentenza il Cagliari non potrà ancora mettere in vendita i biglietti per la prima sfida in casa col Crotone che presumibilmente si disputerà in notturna l’11 settembre alle 20.45.

In attesa della 3° Giornata di Campionato sabato 2 Settembre ci sarà la partita dell’anno (forse caricata troppo di importanza) tra Italia e Spagna al Santiago Bernabeu di Madrid dove ci si giocherà la partecipazione Diretta al Mondiale di Russia 2018.

Forza Azzurri!

Print Friendly, PDF & Email
0 0 Voto
Vota Articolo
Iscriviti
Notificami
guest
0 Commenti
Inline Feedbacks
Vedi tutti i commenti
0
Clicca qui e lasciaci un commento! Grazie.x
()
x