Registrati
Ti sarà inviata una password tramite email.
5 1 Voto
Vota Articolo

Salernitana chiamata al pronto riscatto col Pordenone in casa dopo la batosta rimediata a Monza. Tra l’altro, la squadra granata è obbligata a vincere per tenere il passo della capolista Empoli, vittoriosa per 2-0 in quel di Cosenza.

Castori schiera i suoi col 4-4-2 con Bogdan che affianca Gyomber al centro della difesa. Tesser,invece, schiera il 4-3-1-2 con Ballamo dietro Ciurria e Diaw. Spazio a Cicerelli dal primo minuto di gioco al posto di Anderson, apparso poco brillante a Monza.

Salernitana-Pordenone, cronaca primo tempo

Prima occasione per Kupitsz dopo 4 minuti ma la difesa respinge in extremis. Al 15′ Cicerelli sfiora il goal su punizione dai 25 metri: palla che sfiora la traversa. Un minuto dopo gli ospiti rispondono con un colpo di testa poco pericoloso.  Ancora Salernitana al 18′ con Tutino che fugge alla difesa ospite e che arriva pericolosamente al tiro.

Doppia occasione granata intorno al 20′: dapprima Capezzi sfiora il palo con un piatto dal limite. Sul corner susseguente Bogdan vede respingersi il colpo di testa dal bravo Perisan.

Episodio chiave al minuto 29. Capezzi alza il piede in maniera scomposta a centrocampo e viene espulso.  Subito dopo Castori lo raggiunge, cacciato dal quarto uomo per proteste. Nel rivedere le immagini si vede chiaramente che Capezzi in scivolata cerca di ritrarre il piede e il provvedimento dell’arbitro sembra eccessivo.

Finisce così il primo tempo con la squadra di casa che comincia ad apparire sempre più stizzita dalle decisioni arbitrali.

Salernitana-Pordenone, cronaca della ripresa

Nella ripresa Castori non mischia le carte, anche perché ben sa che non può contare su una panchina lunga. In ogni caso, gli interpreti granata in campo si riversano nella metà campo friulana e non fanno avvertire inferiorità numerica.

Tuttavia, sugli sviluppi di un calcio piazzato gli ospiti passano in vantaggio con un colpo di testa sul secondo palo. Brutto colpo per Djuric e compagni che, in ogni caso, nonostante il continuo sventolio di cartellini gialli da parte del signor Rapuano, si riversano in avanti alla ricerca del pareggio. Dopo pochi minuti Rapuano non concede un rigore netto a Tutino ed infiamma ancora di più gli animi in campo. Ne fa le spese capitan Di Tacchio, per doppia ammonizione.  Salernitana in 9 e partita praticamente conclusa.

A nulla servono le sostituzioni tra le fila granata. Anzi, sono gli ospiti a pervenire al raddoppio al 94′ con Diaw, lanciato da solo davanti a Belec per il 2-0 finale.

Salernitana: ora la sosta e poi c’è la capolista Empoli

Finisce così una partita strana che sembrava ben gestita dalla Salernitana e che invece, causa provvedimenti disciplinari, ha trovato tutt’altro epilogo. Si arriva così alla sosta. Dopo la pausa la Salernitana andrà in casa della capolista Empoli. Urge rifiatare ma servono soprattutto nuovi innesti ,giocatori che possano rappresentare una valida alternativa alla formazione titolare. Dall’Arechi è tutto: Salernitana 0, Pordenone 2.

Print Friendly, PDF & Email
5 1 Voto
Vota Articolo
Iscriviti
Notificami
guest
0 Commenti
Inline Feedbacks
Vedi tutti i commenti
0
Clicca qui e lasciaci un commento! Grazie.x
()
x