" "
Registrati
Ti sarà inviata una password tramite email.

La freccia nera – Inghilterra, XV secolo. La Guerra delle Due Rosa fra Lancaster e York è in corso. Dick Shelton (Aldo Reggiani), rimasto orfano giovanissimo del padre Harry Shelton, è profondamente devoto al proprio tutore Sir Daniel Brackley (Arnoldo Foà), cavaliere di Tunstall, dal quale è stato allevato come un figlio. Dick, con Bennet Hatch, giunge dove vive l’anziano guerriero Nick Appleyard per informarlo che deve assumere il comando delle truppe del castello. Il vecchio però muore trafitto mortalmente da una misteriosa freccia nera. Nessuno fra i presenti riesce a spiegare il significato di questa morte e, soprattutto, che cosa rappresenti la freccia nera.

 

Andato in onda tra il 1968 e il 1969 in sette puntate, la serie (anch’essa tratta dal romanzo di Robert Louis Stevenson) è tutt’ora uno dei più grandi successi della Rai. La freccia nera raggiunse stabilmente la cifra record di diciassette milioni di spettatori. Vero che all’epoca non c’era concorrenza e non c’era neanche l’Auditel, ma il dato rimane comunque strepitoso.

“La freccia nera”, diretta Majano, è considerato uno sceneggiato d’avanguardia, con scene girate all’aperto (uno delle location fu il Ricetto di Candelo, a Candelo, in provincia di Biella), ovvero in un ambiente naturale, per evitare rumori in sottofondo, come ad esempio il rumore degli aeri in sottofondo nel film “Il nome della rosa”. – nella zona sorge la Riserva Naturale delle Baragge. La location infatti era l’ideale per un tale genere di film che faceva ricorso anche ad animali vivi.

 

Anche per questo lo sceneggiato fu innovativo. Anche la colonna sonora è estremamente curata, infatti sottolinea veramente bene le varie situazioni. Molto successo ebbe la sigla finale “Sibila il vento”, che rende bene l’idea di furtività e di paura che genera il gruppo ribelle della Freccia Nera.

La Rai, nel 2006, cercò di ripetere il successo producendo un altra miniserie con Riccardo Scamarcio. La serie un buon successo di pubblico ma, onestamente, il livello recitativo è vicino allo zero.

Leggi gli altri “10 sceneggiati italiani”:

L’Isola del Tesoro La Freccia Nera L’Odissea David Copperfield Nero Wolfe I Promessi Sposi Jekyll Le avventure di Pinocchio Sandokan
Print Friendly, PDF & Email

Lascia una recensione

avatar
  Subscribe  
Notificami