“È stata la mano di Dio”, trama e recensione

PUBBLICITA

“È stata la mano di Dio” – La famiglia Schisa, di estrazione borghese, come tante altre alterna momenti di felicità e di conflitti nella Napoli degli anni ’80. Saverio (Toni Servillo) e Maria (Teresa Saponangelo) sono i genitori di un introverso Fabio (Filippo Scotti), che frequenta il liceo classico e sogna timidamente di fare il regista cinematografico così come il fratello Marchino (Marlon Joubert) di fare l’attore. Sua sorella non esce mai dal bagno, la prorompente zia Patrizia (Luisa Ranieri) è il suo sogno erotico che però passa in secondo piano rispetto al culto di Maradona. La spensieratezza è però destinata ad essere spazzata via da una tragedia che costringerà Fabio a diventare repentinamente un uomo.

“È stata la mano di Dio”, recensione

Una parte della sua storia reinventata, spettacolarizzata, perché così si fa il cinema. Questa volta Sorrentino aderisce maggiormente alla verità, puntando molto sulla grande bellezza di Napoli e omaggiando tre figure per lui fondamentali come Diego Armando Maradona e i registi Federico Fellini e Antonio Capuano. Una famiglia composta in maniera divertente da personaggi sopra le righe fa volare via la prima metà del lungometraggio, poi Fabio deve attraversare un dolore immane che per un po’ gli nasconde il futuro. A questo punto “È stata la mano di Dio” si ferma e riparte, prendendosi un attimo per tornare a carburare e ad emozionare.

Servillo lascia in questa occasione al talentuoso Filippo Scotti il ruolo del protagonista ma imprime con forza il suo marchio, in un film tutto sommato corale dove spiccano anche le figure femminili fondamentali di Luisa Ranieri, Teresa Saponangelo e Betti Pedrazzi. E dove un solido contributo viene dato anche dai deliziosi comprimari: Renato Carpentieri, Massimiliano Gallo, Cristiana Dell’Anna, Enzo Decaro, Dora Romano e Ciro Capano.

Questa volta l’ingrediente vincente di Sorrentino è la misura (pur con qualche scelta audace), che gli consente di bilanciare tutti gli elementi eterogenei che piazza nel suo lavoro e di dribblare la retorica che pure in questo caso lo attendeva dietro l’angolo. Ne viene fuori invece ancora una volta un’opera rigorosa personale ma universale, che non a caso concorrerà ai Golden Globe e agli Oscar. Un film bello da vedere, fatto di facce, di fugaci personaggi felliniani, di mezzi sguardi in macchina, prima leggero e comico, colorato e luminoso, poi più cupo, sofferente e nostalgico. Insomma tutto quello che è e deve essere il cinema, contrapposto ad una realtà scadente. “Ti pare poco?”.

Dopo l’uscita nelle sale dello scorso 24 novembre “È stata la mano di Dio” è disponibile in streaming su Netflix a partire dal 15 dicembre 2021.

PUBBLICITA

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

LEGGI ANCHE

Juve Stabia Bilal Erradi il manuale del “Cholismo”

Juve Stabia continuano i nostri focus sui protagonisti della cavalcata trionfale in Serie B con Mister Guido Pagliuca allenatore, oggi ci tocca volare a...

Juve Stabia iniziativa della società

Juve Stabia verso la gara contro il Picerno. Il dettaglio dell' iniziativa per i Fans gialloble' Promo Juve Stabia-Picerno, acquista il tuo biglietto e la...

Siracusa Calcio, presentata la maglia del centenario (Gallery)

Siracusa Calcio, nella giornata di ieri è stata presentata la maglia del centenario nella terrazza Killiche davanti ai giornalisti, giocatori, staff e sponsor

Automazione nel settore manifatturiero: le trasformazioni delle ultime tecnologie

Automazione nel settore manifatturiero: come si sono evolute le tecnologie che hanno trasformato profondamente le fabbriche di tutto il mondo.

ULTIME NOTIZIE

PUBBLICITA