Registrati

Ti sarà inviata una password per E-mail

“Io sono tempesta” esce nelle sale cinematografiche italiane domani, giovedì 12 aprile 2018. Il film diretto da Daniele Luchetti vede come protagonista un ricco imprenditore finanziario Numa Tempesta, interpretato da Marco Giallini e Bruno, un ex proprietario di un bar finito in bancarotta, interpretato da Elio Germano. La pellicola è stata realizzata e distribuita da 01 Distribution con la collaborazione di Rai Cinema. Il tema principale del film è quello di sottolineare una ricchezza da favola contrapposta ad una povertà molto reale. Numa Tempesta trascorre una vita attorno ai soldi, ad alberghi extralusso, donne. Tutto cambia quando a causa di una vecchia condanna per evasione fiscale, infatti, il protagonista dovrà scontare un anno di pena ai servizi sociali in un centro di accoglienza. Qui incontrerà Bruno e la sua vita cambierà.

L’incontro sembrerebbe offrire ad entrambi l’occasione per una rinascita all’insegna dei buoni sentimenti e dell’amicizia. Ma c’è il denaro di mezzo e un gruppo di senzatetto che, tra morale e denaro, tenderà a preferire il denaro. Alla fine bisognerà chiedersi: chi sono i buoni, se ci sono?

“Siamo andati alla ricerca di un tono diverso per parlare di borgata, abbiamo cercato uno sguardo paritario non per dimostrare qualcosa ma per divertirsi, non volevamo che il ricco buono a contatto con il povero diventasse buono, ma piuttosto il contrario. Volevo fare un’opera buffa lontana dal realismo che certo si muove dall’osservazione dei centri di accoglienza dove siamo stati e abbiamo preso ispirazione” ha dichiarato il registra Daniele Luchetti. E continua. “L’idea era fare un film sul nostro paese in questo momento, un paese che è passato da essere molto ideologizzato a non esserlo affatto, dalla lotta di classe al “mi piace” su Facebook. Persone come Bruno, il personaggio di Elio Germano, sono convinte di non avere problemi e tutto sommato sono convinti di essere uguale a Numa Tempesta, semplicemente non hanno avuto le stesse possibilità”.

Trama e Trailer “Io sono tempesta”

Marco Giallini è Numa Tempesta, un finanziere che gestisce un fondo da un miliardo e mezzo di euro e abita da solo nel suo immenso hotel deserto, pieno di letti in cui lui non riesce a chiudere occhio. Tempesta ha soldi, carisma, fiuto per gli affari e pochi scrupoli. Un giorno la legge gli presenta il conto: a causa di una vecchia condanna per evasione fiscale dovrà scontare un anno di pena ai servizi sociali in un centro di accoglienza. E così, il potente Numa dovrà mettersi a disposizione di chi non ha nulla, degli ultimi. Tra questi c’è Bruno (Elio Germano), un giovane padre che frequenta il centro con il figlio, in seguito ad un tracollo economico. L’incontro sembrerebbe offrire ad entrambi l’occasione per una rinascita all’insegna dei buoni sentimenti e dell’amicizia. Ma c’è il denaro di mezzo e un gruppo di senzatetto che, tra morale e denaro, tenderà a preferire il denaro”.

Print Friendly, PDF & Email

Scrivi