Registrati
Ti sarà inviata una password tramite email.
5 1 Voto
Vota Articolo

“Vikings 6” – La serie nata dalla mente del creatore Michael Hirst giunge al termine dopo 6 stagioni e 89 episodi. Nonostante la sua morte, Ragnar Lothbrok (Travis Fimmel) continua a muovere i fili di quei protagonisti che poi sarebbero i suoi figli, ognuno dei quali ha ereditato una sua caratteristica ben precisa. Stiamo parlando di Ivar (Alex Høgh Andersen) che cerca di conquistare Wessex, di Bjorn (Alexander Ludwig) che si rivelerà un vero eroe, di Ubbe (Jordan Patrick Smith) che farà una scoperta molto importante grazie alla sua ambiziosa curiosità e di Hvitserk (Marco Ilsø) che ci riserverà una grande sorpresa finale. Il cerchio si chiude al momento giusto per tutti questi personaggi, sempre combattuti tra innovazione e tradizione.

“Vikings 6”, recensione

Gli ultimi dieci episodi di “Vikings” si rivelano molto on the road, trasportando lo spettatore da Kattegat alla Russia, all’Inghilterra e alla Groenlandia ma non solo. Tutto questo viaggiare rallenta inevitabilmente il ritmo della narrazione nel bel mezzo della stagione e a tratti dona l’impressione di tendere un po’ ad allungare il brodo. Netto il cambio di marcia invece sul finale di stagione tra azione ed emozione, con il giusto rilievo dato ad ogni personaggio principale. Non c’è una figura unica che si staglia sovrana per spessore e personalità come accadeva con Ragnar ma le gesta e i destini dei suoi quattro figli raccontati in maniera alternata riescono a risultare coinvolgenti e interessanti. Senza peccare di eccessivo spoiler ci limiteremo a dire che sarà Ubbe a raccogliere in maniera più emblematica il testimone e trascinare i suoi in una nuova realtà, piena di potenzialità ma anche di ostacoli da aggirare. Proprio lui dovrà in sintesi bilanciare l’irrequieto spirito vichingo con le esigenze di una nuova era, facendo sì che, con l’ausilio dei suoi fratelli, suo padre Ragnar non venga mai dimenticato.

Non era facile proseguire in maniera avvincente la serie dopo l’uscita di scena di Ragnar e di sua moglie Lagertha e non neghiamo che qualche passaggio a vuoto ci sia stato. Questa conclusione si rivela però un degno colpo di coda e rende giustizia al prodotto nel suo complesso. Che ha avuto il merito di raccontare con efficacia, tra alti e qualche basso, una cultura e uno spaccato storico importanti e di farlo con un cast sempre valido.

La sesta stagione di “Vikings” è disponibile in versione integrale su TimVision a partire dal 30 dicembre 2020.

Print Friendly, PDF & Email
5 1 Voto
Vota Articolo
Iscriviti
Notificami
guest
0 Commenti
Inline Feedbacks
Vedi tutti i commenti
0
Clicca qui e lasciaci un commento! Grazie.x
()
x
Enable Notifications    OK No thanks