Registrati
Ti sarà inviata una password tramite email.

E’ partito oggi il seminario dedicato ai giovani che vogliono cimentarsi con la cronaca cinematografica al festival di Vico Equense

La città di Vico Equense si trasforma in una redazione a cielo aperto per i ragazzi del seminario di Pina Meriano, per confrontarsi sul campo con interviste agli ospiti del Social World Film Festival, tra riprese video e conversazioni con gli attori.

Per la prima del film “Era giovane e aveva gli occhi chiari” di Giovanni Mazzitelli, proiettato nel Teatro Trosi, era presente Fabio De Caro, l’attore che ha prestato il volto alla perfidia e al cinismo di Malammore di “Gomorra” e che ha recitato in questa pellicola nella parte di un simpatico sindacalista dell’ ILVA di Bagnoli conn la passione per il tennis.

Fabio De Caro

A lui abbiamo chiesto:

Quanto è importante il sociale nel cinema?

E’ una tematica importante, ma credo che il cinema debba essere soprattutto un momento di svago e di emozione per il pubblico 

E quanto lo è per una serie così discussa e di successo come “Gomorra”?

“Gomorra” è mal giudicato, perchè spesso è brutale eppure la gente tende ad essere più attenta alla brutalità della serie tv che a quella che davvero ci circonda nella realtà.

E talvolta ne fa le spese l’attore, che come è successo proprio a De Caro, è stato oggetto di una pesante campagna denigratoria allorchè al suo personaggio (Malammore) viene ordinato di uccidere la figlia di Ciruzzo l’ immortale, che però non era mirata a criticare il cammorrista ma tendeva a vessare l’uomo, il suo privato.

Se dovesse descrivere il Social World Film Festival con un aggettivo quale userebbe?

Il termine più appropriato per descrivere la settima edizione del festival è figo.

 

 

Print Friendly, PDF & Email

Scrivi