" "
Registrati
Ti sarà inviata una password tramite email.

Fiume Sarno – I carabinieri della stazione forestale di Sarno (SA) hanno sequestrato un impianto di depurazione a ridosso del fiume Sarno.  Il provvedimento è scattato nell’ambito dei controlli in corso da alcune settimane sugli scarichi industriali e civili, che finiscono nel fiume e nei suoi affluenti.

Fiume Sarno – Il ministro Sergio Costa: “Tolleranza zero”

“Tolleranza zero per chi inquina il fiume Sarno. Siamo con il fiato sul collo dei responsabili di questi scempi e non abbiamo intenzione di fare sconti a nessuno” – ha detto il ministro dell’Ambiente, Sergio Costa e ha aggiunto:

Negli ultimi mesi, e soprattutto con la fine del lockdown  ho ricevuto tantissime segnalazioni, fotografie e denunce di cittadini. L’attenzione è alta, segno che la sensibilità ambientale è cambiata, c’è maggiore consapevolezza che il territorio in cui viviamo bisogna amarlo e rispettarlo, denunciando ogni scempio ai danni della natura”.

Uniti per il Sarno, il flash mob

Intanto, per oggi Sabato 23 Maggio 2020 ore 19:30 in Piazza Giovanni XXIII a Castellammare di Stabia il Gruppo “Giù le mani dal Sarno” è previsto il flash mob “Uniti per il Sarno…. Se non ora quando? ” .

Tutti i partecipanti dovranno indossare una maglietta bianca e potranno portare cartelloni con scritte pro fiume Sarno. I partecipanti dovranno restare immobili per 10 minuti davanti alla Casa Comunale. Sarà una persona portavoce del gruppo a determinare lo scadere dei 10 minuti. Allo scadere dei 10 minuti, al trillo della sveglia, tutti urleranno per tre volte: “Uniti per il Sarno. Se non ora, quando?”.Poi, il gruppo si scioglierà in silenzio.

I simboli del flash mob sono:
1) la presenza della cittadinanza davanti al comune della città;
2) la maglietta bianca simbolo di limpidezza del fiume e delle istituzioni
3) la sveglia che indica che la cittadinanza si è svegliata
4) il silenzio, perchà la cittadinanza resta in attesa di concrete risposte.

L’idea è quella di ripetere la manifestazione ogni sabato invitando anche i cittadini degli altri comuni limitrofi a fare la medesima cosa.

 

Print Friendly, PDF & Email

Lascia una recensione

avatar
  Subscribe  
Notificami