Registrati
Ti sarà inviata una password tramite email.
0 0 Voto
Vota Articolo

E’ prevista per il 21 settembre l’apertura delle urne per i professionisti dell’ albo degli architetti di Napoli e Provincia, che verranno chiamati ad eleggere il nuovo consiglio dell’ Ordine, dopo il lungo – e secondo alcuni- poco dignitoso commissariamento.

Le liste sono state consegnate, termine ultimo il 14 settembre, ed è partita la campagna elettorale.

In lizza per le votazioni che si svolgeranno fino ai primi giorni di ottobre dalle 10.00 alle 18.00, ci saranno Iam, che fa capo a Cesaro; la compagine di Visone, fratello dell’ ex presidente dell’ Ordine per tre mandati e infine quella di AiR, architetti in rete, i cui candidati saranno presentati il 19 settembre a Via Carducci all’attenzione dell’elettorato.

Questa lista si presenta come un cambiamento, l’aria nuova che si dovrebbe respirare, come suggerisce il divertissement linguistico del loro acronimo. Il  programma si basa sui seguenti punti :

GIOVANI: Accoglienza dei neo-iscritti con riunioni periodiche, formazione di una “Commissione Giovani Professionisti”. Proposta di Gratuità di iscrizione per i primi due anni.
TERRITORIO: Maggiore presenza del Consiglio sulle problematiche di attualità della Città, e dell’area Metropolitana; favorire lo sviluppo Democratico, Pacifico, Partecipato e Sostenibile incentrato sulla Cultura e l’affermazione del paradigma della qualità della Vita Urbana. Attivazione di incontri pubblici e convegni riguardanti la diffusione della cultura dell’architettura, della pianificazione e della salvaguardia paesaggistica, per una migliore gestione del territorio, per una legislazione regionale sull’edilizia e l’urbanistica in linea con il nostro delicato sistema territoriale e per un riposizionamento dell’Architetto al centro dello sviluppo e riassetto del territorio metropolitano, ancora troppo legato alla rendita fondiaria ed alla cementificazione incontrollata. Rilancio della “Città Circolare”: per la mobilità sostenibile, la gestione energetica, il ciclo rifiuti, il recupero edilizio.
AMBIENTE: l’ordine degli Architetti dovrà essere il pilota della decementificazione, consumo di suolo zero e del recupero ecosostenibile del patrimonio edilizio.
TRASPARENZA: Massima visibilità di tutti gli atti, bilanci, incarichi, deleghe, iniziative e deliberazioni, Trasmissione in Streaming delle riunioni del Consiglio; miglioramento del SITO WEB dell’ordine e Potenziamento qualitativo delle comunicazioni via e-mail indirizzate agli iscritti.
INARCASSA: Raccordo paritetico con la Cassa di Previdenza e reale supporto agli iscritti. Sostegno della proposta del Coordinamento Nazionale Riscatta Laurea, che intende promuovere il riscatto gratuito degli anni universitari a tutti senza alcun limite di reddito e di età anagrafica.
INPS e GESTIONE SEPARATA: va fatta chiarezza, dopo i ricorsi vinti, per supportare i colleghi impiegati nella pubblica amministrazione.
AGGIORNAMENTO PROFESSIONALE: cicli di formazione gratuiti, utili per un reale arricchimento, e non solo quale veicolo pubblicitario per le aziende di settore. Riconoscimento dell’attività professionale svolta, da tradurre in crediti formativi; costituzione di un team di esperti direttamente contattabili, dedicato alla soluzione di problemi di carattere pratico relativi alla professione.
PROTEZIONE CIVILE: sostegno al Corpo Tecnico Nazionale con corsi gratuiti di alta formazione di architetti per
l’emergenza.
REGIONALIZZAZIONE: strutturazione di protocolli d’intesa con gli ordini degli architetti della Campania per
l’approfondimento delle tematiche più urgenti e relative proposte di legge.
INTERNAZIONALIZZAZIONE: realizzazione di protocolli d’intesa tra studi professionali internazionali e locali per lo scambio costante di competenze, prestazioni, workshop ed attività di promozione culturale.

 

 

 

Print Friendly, PDF & Email
0 0 Voto
Vota Articolo
Iscriviti
Notificami
guest
0 Commenti
Inline Feedbacks
Vedi tutti i commenti
0
Clicca qui e lasciaci un commento! Grazie.x
()
x
Enable Notifications.    Ok No thanks